Vandalismo al Meucci, la preside: "Nessun legame con la vita dell’istituto”

La dirigente della scuola carpigiana esclude che possano essere stati gli stessi studenti a ordire e mettere in pratica il disastro di questa mattina. Presto le attività riprenderanno regolarmente

L'atto vandalico avvenuto a Carpi nella notte contro l'Istituto Meucci ha scosso la città. La Dirigente, Teresa De Vito, fa sapere che: "Non c’è alcun legame tra il gravissimo atto vandalico commesso questa mattina al Meucci e la vita quotidiana dell’istituto”. La scuola ha subito ricevuto attestati di stima e di solidarietà da parte delle autorità come il sindaco Alberto Bellelli.

“Questo terribile ed esecrabile reato arriva per noi improvviso e ci lascia tutti attoniti - ha spiegato - Soprattutto perché non è accaduto in quest’anno scolastico nulla che potesse fare immaginare un’azione di questo genere. La vita quotidiana dell’istituto è fatta di un continuo dialogo e scambio educativo tra docenti e studenti e quest’anno scolastico si stava concludendo nella massima serenità. Noi pensiamo che la nostra scuola sia stata scelta come bersaglio per la sua collocazione logistica accanto alla tangenziale con vie di fuga più semplici rispetto ad altri obiettivi sensibili. E’ stata scelta non perché è il Meucci, ma semplicemente perché è una scuola, ovverossia un luogo dove si coltiva la cultura del rispetto delle regole, della convivenza civile e della legalità."

"Noi – prosegue la dirigente scolastica – siamo già al lavoro per cercare di riaprire la scuola il primo possibile e voglio rassicurare le famiglie sul clima che si respira ogni giorno nelle nostre aule: un clima positivo in cui studenti e docenti fanno la loro parte in un dialogo educativo reciproco. Quest’anno, tra l’altro, è stato ricco di iniziative e di progetti. Proprio l’altro giorno le pagine dei giornali accoglievano nostri articoli su pratiche didattiche innovative come la creazione di imprese simulate e la partecipazione alla fiera dedicata di Predazzo. Nei prossimi giorni accoglieremo gli studenti da tutta la Regione per la sessione regionale del Mep, la simulazione di una seduta del parlamento europeo. Inoltre continuiamo a lavorare sull’ampliamento delle struttura con nuove aule e laboratori. Credo che questa sia la miglior risposta a chi ha voluto colpire non tanto il Meucci, ma la missione quotidiana che ogni scuola svolge nella pratica educativa e didattica di ogni giorno che aiuta ragazzi e ragazze a diventare uomini e donne”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Sesto anniversario del sisma, la Regione esulta: "L'Emilia va più veloce di prima"

  • Cronaca

    Sei giovani feriti nello scontro fra due auto nelle campagne di Castelfranco

  • Cronaca

    Si fermano ancora i bus Seta, lunedì nuovo sciopero sindacale

  • Cronaca

    Perde alle slot e minaccia con un coltello la barista, torna a giocare e viene denunciato

I più letti della settimana

  • Si imbatte nei vigili, scende e spinge l'auto a mano per evitare l'alcoltest

  • Viavai sospetto in un garage, la Polizia arresta una donna filippina per spaccio di shaboo

  • Nessun Dorma - La mappa interattiva della Notte Bianca 2018

  • Tragedia sulla tangenziale di Castelfranco, muore motociclista dopo lo scontro con un furgone

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Lampeggianti e sirena in auto, ma dopo sorpassi e passagi col rosso incappa in un posto di blocco

Torna su
ModenaToday è in caricamento