Vasco Rossi ricoverato in una clinica a Bologna

Una sospetta frattura ad una costola ha spinto il Blasco a sottoporsi a una serie di controlli per dare una risposta ai forti dolori alla schiena che nelle settimane non gli hanno mai concesso tregua

Vasco Rossi in clinica a Bologna. Una sospetta frattura ad una costola ha spinto il rocker di Zocca a sottoporsi a una serie di controlli per dare una risposta ai forti dolori che da settimane lo facevano star male durante il tour 'Vasco Live Kom 011' (ora in pausa dopo i trionfi di San Siro e dell'Olimpico, quattro nuove date sono in cartellone tra fine agosto e settembre). Il sessantenne Vasco, il cui annuncio il 26 giugno scorso "mi dimetto da rockstar" aveva preoccupato e rattristato tante persone, ha fatto ricorso agli specialisti di una clinica privata bolognese.

La sua storica portavoce Tania Sachs ha voluto precisare all'Ansa le condizioni del rocker dopo che erano cominciate a circolare voci di un ricovero e addirittura di un coma farmacologico: "bufale", le ha definite. Già a Milano il concerto era cominciato in ritardo per un "fortissimo dolore che perseguita Vasco da giorni e che dalla spalla è passato alla schiena", come la stessa Tania Sachs aveva postato sul sito di Vasco. Semplicemente "alcuni controlli", hanno confermato dalla clinica privata, dove però, a quanto si è appreso, Vasco si trova tuttora ed è ricoverato almeno da martedì. Secondo indiscrezioni il rocker è in un'ala riservata della villa ed è seguito anche da un'equipe di medici personali. Ma Tania Sachs, anche a tutela della privacy dell'artista, in serata ha ribadito che si tratta di una serie di controlli e radiografie legati alla sospetta frattura alla costola, che peraltro gli provoca dei forti dolori.

Nessuna relazione, ha sottolineato la portavoce, tra i forti dolori e l'annuncio sulle dimissioni da rockstar fatto al Tg1: il suo non sarà un ritiro dai concerti, quanto piuttosto dalla dimensione da stadio della sua musica. E il prossimo appuntamento sarà sul red carpet della Mostra del cinema di Venezia il 5 settembre per l'anteprima del film documentario su di lui, 'Questa storia qua', di Alessandro Paris e Sibylle Righetti, prodotto dalla Indigo Film e distribuito da Lucky Red dal 7 settembre. Un evento per il quale domani comincerà la prevendita per seguire il Komandante a Venezia in diretta via satellite in collegamento con 200 cinema in tutta Italia. In serata, quando si è diffusa la notizia sulla sua salute, é cominciato il tam tam dei fan sulla rete: "In un mese si rimette", "In tempo per l'ultima parte del tour" e naturalmente "Auguri Vasco". Verso le 20.30 Laura Schmidt, compagna di Vasco Rossi, ha lasciato in auto la clinica dove il cantante è ricoverato: la Schmidt non ha voluto rilasciare dichiarazioni, limitandosi a spiegare di non poter dire niente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

Torna su
ModenaToday è in caricamento