Monitoraggio delle emergenze ambientali, il futuro è dei droni

Proprio da Modena parte la sfida per un più diffuso impiego dei droni per il monitoraggio immediato e a basso costo degli effetti di un'emergenza ambientale. All'Università un workshop per fare il punto sulle tecnologie dei droni in Italia

Quanto tempo passerà prima che i nostri cieli si riempiano di piccoli velivoli ultratecnologici per le più svariate funzioni? Alcuni sono convinti che non manca molto alla realizzazione di questo scenario, visto il fulmineo sviluppo che i droni stanno ottenendo nei più svariati settori. Il loro impiego, ormai consolidato per usi militari, si va infatti diffondendo in maniera crescente anche in campo civile, ad esempio in operazioni di prevenzione e intervento in emergenza incendi, per controllo di siti, in agricoltura, per sorveglianza di oleodotti, con finalità di telerilevamento e ricerca.

Non deve perciò sorprendere che parta proprio dal Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, dove si è molto attivi nello studio e nella ricerca su queste tecnologie e dove è diventato pressante affidarsi a sistemi di prevenzione dalle emergenze naturali, l’idea di un workshop dedicato espressamente a questi sofisticati strumenti. “Gli eventi calamitosi di questi ultimi giorni in varie parti d’Italia – afferma il prof. Alessandro Capra, Direttore del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Unimore e Presidente della Società Italiana di Fotogrammetria e Topografia (SIFET) - hanno posto all’attenzione della collettività l’importanza dell’uso dei droni per il monitoraggio immediato e a basso costo degli effetti di un’emergenza ambientale”. 

L’iniziativa, fra le prime in Italia, coordinata dal prof. Alessandro Capra e dai colleghi prof. Fabio Crosilla dell’Università di Udine e prof. Fabio Remondino del Politecnico di Zurigo (Svizzera), che operano a vario titolo nell’European Spatial Data Research - EuroSDR, sarà ospitata al Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” (via Vignolese 905) a Modena a partire dalla mattina di giovedì 20 e fino al pomeriggio di venerdì 21 febbraio 2014.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Obiettivo del convegno, organizzato come forum per discussioni, scambio di idee, approfondimenti e nuove conoscenze, è quello di fornire una vetrina ed un’occasione di confronto e discussione su argomenti che vanno dalle piattaforme esistenti, ai sensori a bordo, agli algoritmi e software, alle regolamentazioni, fino ad arrivare a toccare problemi aperti, come geo-referenziazione diretta, stabilità, sicurezza, etc., ed alle applicazioni per modellazione 3D, rilievi e monitoraggio del territorio, Beni Culturali, entertainment, visualizzazione, argomenti che vedono la presenza e l’interesse di diversi gruppi di ricerca italiani e di aziende. Durante la due giorni modenese si prevedono presentazioni orali, poster e discussioni, mentre le aziende presenti esporranno le loro piattaforme e condivideranno esperienze e risultati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • L'ex Commissario Venturi si ricrede: "Il lockdown totale è stato un errore"

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento