Il Centro Fauna il Pettirosso cerca volontari, "ma con la V maiuscola"

Come ogni anno il centro modenese è alla ricerca di persone disposte a contribuire all'incessante attività di salvataggio e accudimento degli animali. Un percorso duro che prevede anche un anno di formaizione

"Tutti cercano volontari ma noi li vogliamo pure con la “V” maiuscola, perché da noi il volontario non si limita a stare un paio di ore al mese dietro ad un banchetto, ma ha un anno intero di formazione. Poi un volontario ha impegni seri. Eccolo che corre alle tre di notte perché un capriolo è in mezzo alla strada incidentato, eccolo sotto ad un temporale scrosciante a recuperare una poiana che probabilmente ha un’ala fratturata, eccolo partire con altri con mezzo metro di neve in montagna mentre le strade non sono ancora pulite e continua a nevicare, perché una mamma istrice con il suo piccolo non trova più la via di casa e rischia l’ipotermia che la condurrebbe alla morte certa. Ecco perché la V maiuscola".

Se siete volontari così "tosti", allora siete tagliati per il Centro Fauna Selvatica 'Il Pettirosso' di Modena, la cui attività è decisamente impegnativa, soprattutto se pensiamo che oltre a tutte le emergenze, il centro nutre e cura centinaia di animali.

"Ecco che volontari servono al Pettirosso – spiega il responsabile Piero Milani - Volontari di tutte le età che con la famiglia, il lavoro lo studio convivono e con impegno e sacrificio coprono 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno: insomma una rarità come gli animali che si salvano, esemplari in pericolo di estinzione".

"Purtroppo in Italia il volontariato soffre un totale disinteresse per una mancanza di senso civico o di responsabilità – aggiunge Milani – Cerchiamo volontari perché il Centro si allarga sempre di più. Tanti sono già stati i volontari del Pettirosso e tanti altri ne aspettiamo per accoglierli".

Per informazioni e per la prenotazione per un colloquio il numero di riferimento è 339.8183676.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • IQOS e sigarette elettroniche, presentato a Modena il primo studio sulla salute umana

  • Ritrovato il 16enne scomparso da Finale Emilia, sta bene

  • Mirandola, in manette il datore di lavoro del 39enne violentato: "Vittima totalmente succube"

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Muore sulla panchina del parco delle Rimembranze, inutili i soccorsi

  • Benefici delle piante grasse: 5 motivi per cui averle favorisce la salute

Torna su
ModenaToday è in caricamento