Smart Generation, una ricerca modenese sugli adolescenti e l'ossessione social

Il Centro culturale Francesco Luigi Ferrari di Modena rende noti i primi dati della ricerca sviluppata a livello europeo su giovani e smartphone. La ricerca è parte di SMART Generation, progetto finanziato dall'Agenzia Nazionale Giovani nell'ambito del Programma europeo Erasmus

Sono in corso di elaborazione i dati del questionario sviluppato dal Centro culturale Francesco Luigi Ferrari di Modena nell’ambito di “SMART Generation”, progetto cofinanziato dal Programma europeo Erasmus+, nato per favorire un uso consapevole e critico dello smartphone. Al questionario hanno risposto 1735 ragazzi: 509 in Italia, 503 in Spagna, 382 in Lettonia, 316 in Romania e 25 ragazzi contattati tramite la rete europea EAEA.

Il campione è composto prevalentemente da giovani con una età compresa fra i 15 e i 19 anni. Secondo la ricerca, oltre il 90% dei ragazzi si affretta a rispondere appena il cellulare squilla, il 42% verifica compulsivamente lo smartphone, quasi il 70% controlla insistentemente i propri profili social.

La ricerca verrà pubblicata integralmente nelle prossime settimane sul sito del progetto (http://smart-generation.wixsite.com/smartgeneration) ma i primi dati parlano di una generazione precocemente connessa. Il 45% degli intervistati ha infatti iniziato ad utilizzare lo smartphone fra i 12 e i 14 anni, ma esiste una percentuale di poco inferiore che ha iniziato fra gli 8 e gli 11 anni. Le tre funzioni maggiormente utilizzate risultano essere le chat, l’ascoltare musica e il navigare sul web; quelle meno utilizzate sono invece fare acquisti sul web, l’utilizzare blog o leggere ebook. Fra i social e le piattaforme le preferenze vanno a Youtube (94,5%), Whatsapp (92%), Instagram (80,1%), e Facebook (72,5%).

La ricerca è uno degli elementi conoscitivi utile alla definizione del Modello Pedagogico che il progetto SMART Generation intende definire e mettere a disposizione di insegnanti ed educatori per incentivare un uso consapevole e sicuro dello smartphone, strumento utile anche all’apprendimento, se ben utilizzato. Il Modello Pedagogico, che sarà valutato e validato attraverso i canoni della socioterapia, si concentra su 4 aree: identità digitale, relazione digitale, sicurezza digitale e competenza digitale.

Potrebbe interessarti

  • Le migliori osterie di Modena. Dove gustare la cucina tradizionale

  • Come pulire il box doccia in modo efficace

  • Le migliori piadinerie di Modena

  • Antigravity Pilates: come allenarsi e dove farlo a Modena

I più letti della settimana

  • Grandine e vento si abbattono su Modena, trenta feriti e molti danni

  • Disastro meteo su Modena, parte la conta dei danni. Trenta feriti lievi

  • Cade dal furgone in via Giardini, muore un operaio trentenne

  • Grandine in pianura, vigneti e campi di grano devastati

  • Furti con la tecnica dell'abbraccio, caccia ad una ladra a Carpi e dintorni

  • Viaggia con un'intera camera da letto sul tetto dell’auto, patente ritirata

Torna su
ModenaToday è in caricamento