60 anni di Granterre: il successo del Parmareggio tra tradizione e solidarietà

Tante le iniziative promosse dal Consorzio Granterre per celebrare i suoi primi 60 anni. Libri, feste, solidarietà fino alla donazione di 60 alberi al Comune di Modena

Il 31 gennaio 1959, a Modena, dieci caseifici costituirono il Consorzio Caseifici Sociali, successivamente rinominato Granterre. A 60 anni di distanza, dalla storica sede di Via Polonia a Modena Granterre controlla l’intera filiera produttiva del Parmigiano Reggiano ed è leader di mercato con il marchio Parmareggio.

La filiera produttiva che fa capo al Consorzio conta oggi 679 aziende agricole operanti  principalmente nel territorio modenese, 14 soci, 21 caseifici per un totale di 350 mila forme di Parmigiano Reggiano conferite, circa 300 dipendenti, e un marchio leader assoluto di mercato: Parmareggio.

“Granterre è un pezzo della comunità, oltre che dell’economia del territorio – ha dichiarato il Presidente Ivano Chezzi– e per questo abbiamo voluto condividere con tutti questo anniversario, promuovendo diverse iniziative: abbiamo realizzato un libro che ripercorre la storia del Consorzio dal 1959 a oggi, organizzato un evento che si terrà sabato 23 al Forum Monzani, e deciso di donare 60 alberi al Comune di Modena, uno per ogni anno di vita. Non c’è futuro senza memoria storica – continua  Chezzie Granterre vuole conservare questa memoria per le prossime generazioni. Per questo abbiamo deciso di realizzare una monografia, raccogliendo le testimonianze dei protagonisti di ieri e di oggi; in questo libro non ci sono solo date ma anche e soprattutto senso di appartenenza, condivisione”.

In occasione del 60° compleanno, inoltre, Granterre ha voluto fare qualcosa che valorizzasse la sensibilità dei suoi soci e dipendenti nei confronti dell’ambiente, e ha deciso di donare al Comune di Modena 60 alberi tra frassini, querce, aceri e gelsi che saranno piantumati al Parco Ferrari.

Grande attenzione poi ai territori, attraverso Parmareggio, vengono sponsorizzate iniziative sportive, culturali e di solidarietà come Modena Volley e di Pallacanestro Reggiana e il sostegno alla Scuola di Pallavolo Anderlini di Modena, al Progetto Scuola Sport e alla Rete Città Sane del Comune di Modena; il contributo ad Associazioni e Onlus come Dimondi Clown Onlus, Croce Blu di Modena e Croce Rossa di Montecavolo (RE), Portobello emporio sociale di Modena, Gruppo CEIS-Centro di Solidarietà, Dynamo Camp, Lega del Filo d’oro, AGEOP, ANT, ASEOP, Associazione Parkinson Modena, Volontari del carcere di Modena, Fondazione Megamark e CSV; l’adesione a campagne di raccolta fondi come quella promossa nel 2018 per la realizzazione della Sala Ibrida all’Ospedale Civile di Baggiovara.

Sabato 23 novembre al Forum Monzani si terrà la grande festa di Granterre dedicata a soci, dipendenti, fornitori e invitati esterni. Non mancheranno i simpatici Topolini – Emiliano, Ersilia e Enzino – a intrattenere i presenti, prima di lasciare spazio a un breve momento istituzionale, non privo di spunti divertenti, e ad uno spettacolo musicale.

E l’obiettivo futuro per Granterre? Come afferma l’Amministratore Delegato Giuliano Carletti “Rafforzare ulteriormente in Italia e all’estero il ruolo di specialista di riferimento del Parmigiano Reggiano e del burro, e garantire ai soci di Granterre risultati rilevanti e solidi nel tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

  • Spaccio e clandestini, chiuso per dieci giorni il bar Nuovo Fiore

  • Regionali. Bonaccini esulta, domani sera festa in Piazza Grande

Torna su
ModenaToday è in caricamento