Vasco minaccia i saldi estivi di Modena, "anticipare le svendite"

L'avvio dei saldi estivi è previsto proprio per il giorno del concertone. Confocommercio chiede una deroga per aggirare il problema di una città blindata e off limits. La normativa lo consentirebbe, palla alla politica

Con Vasco a Modena si frena lo shopping, e allora bisogna anticipare i saldi. O meglio, derogare alla legge regionale e permettere le vendite promozionali già dal 24 giugno. Visto che il concerto di Vasco Rossi a Modena cade nel weekend di avvio dei saldi, e che con l'arrivo di tanti fan buona parte della città sarà "off limits" col rischio di "deprimere, se non addirittura azzerare gli affari per gran parte degli esercizi cittadini", Confcommercio chiede al Comune di permettere ai negozianti di lanciare le vendite promozionali il 24 giugno, cioè il fine settimana precedente il grande evento. 

Confcommercio ha scritto infatti all'assessore comunale Ludovica Ferrari per chiedere una deroga alla legge regionale che non permette di effettuare vendite promozionali nei 30 giorni antecedenti ai saldi. "La deroga- precisa Andrea Abbruzzese, presidente provinciale di Federazione Moda Confcommercio- è permessa dalla stessa norma, nel caso in cui in quei giorni abbia luogo un evento a carattere locale. E proprio sabato 24 in città è prevista la Festa della Musica". 

Nella lettera al Comune, sottolinea Abbruzzese, si è presentato "un aspetto critico legato al grande evento di Vasco Rossi. L'eccezionale numero di fan che approderanno a Modena, renderà la città in parte 'off limit', con la conseguenza di limitare fortemente la mobilità della cittadinanza". In particolare "tra gli esercenti del centro storico con cui ho avuto modo di confrontarmi in questi giorni- prosegue Abbruzzese- è maturata la certezza che gran parte dei modenesi rinuncerà al classico 'tuffo' nelle vie del cuore della città". E questo accadrà "in un giorno, il sabato, generalmente molto più redditizio rispetto agli altri giorni della settimana e che, quest'anno, coincide con l'avvio dei saldi".

Insomma, se "è evidente che il concerto produrrà un mare di vantaggi e opportunità per la città", precisa il presidente di Federmoda, è anche vero che "avrà l'effetto di deprimere, se non addirittura azzerare, gli affari per gran parte degli esercizi cittadini ed in particolare per quelli coinvolti dai saldi estivi". Quindi "consapevoli che non si puo' derogare al calendario dei saldi approvato dalla Regione prevedendo, come tanti esercenti ci hanno chiesto, un anticipo di una settimana della data di avvio dei saldi stessi", fa notare Abbruzzese, "crediamo dunque di aver trovato una soluzione che permetta ai negozi di abbigliamento di non perdere, in tutto o in parte, l'occasione offerta dal primo week end di saldi estivi". 

Infatti, le norme regionali sulle vendite promozionali (la delibera n. 612 del 15/05/2017, ndr), prevedono che si possa derogare al divieto di effettuare promozioni nei 30 giorni antecedenti i periodi delle vendite di fine stagione: è sufficiente che in quei giorni abbia luogo un evento a carattere locale.

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento