Arrivano da Modena i nuovi compattatori di rifiuti a chilometro zero per Fico

I dispositivi 'Superlizzy' sono prodotti dalla Comari, azienda di Marano sul Panaro

A Fico le compattatrici di rifiuti sono a chilometro zero. O quasi. Le quattro 'Superlizzy' arrivano da Modena e sono prodotte dalla Comari, azienda del gruppo Cms, leader mondiale del settore con sede a Marano sul Panaro. Lungo la strada dei sapori all'interno di Fico Eataly World i visitatori potranno utilizzare le nuove compattatrici. Queste innovative macchine offrono una tecnologia all'avanguardia per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti: permettono di ridurre fino al 90% gli ingombri sia dei rifiuti che degli imballaggi leggeri compattandoli e separando in automatico i liquidi dai solidi.

Allo stesso tempo vengono ridotti i numeri dei contenitori per rifiuti, il tempo da dedicare al loro smaltimento e conseguentemente anche quello necessario per le operazioni di pulizia. "Siamo molto soddisfatti, che anche a Fico vengano utilizzate le nostre tecnologie", ammette Liborio Pettinella, general manager di Comari. Le compattatrici Superlizzy sono presenti negli aeroporti, università, stazioni ferroviarie e ospedali sia in Italia che all'estero oltre che nelle grandi catene di ristorazione nazionali e internazionali.

Con sei brevetti registrati e 15 anni di esperienza, Comari opera in oltre trenta Paesi in tutto il mondo. Più di 700 enti pubblici, scuole, universita', teatri, aeroporti, stazioni ferroviarie e ospedali utilizzano le Superlizzy.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pota gli alberi accanto alla linea elettrica fingendosi un addetto Hera e intasca 1.300 euro

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Chirurgia protesica del ginocchio, importante premio per il sassolese Francesco Fiacchi

  • Un giro di spaccio dietro la "copertura" di un autolavaggio. Sequestrato anche un mitra da guerra

  • Locale sovraffollato, denunciati i gestori e sequestrato l'Oltrecafè

  • Blitz nell'ex ristorante La Fazenda, era diventato un rifugio per clandestini

Torna su
ModenaToday è in caricamento