Bilancio in perdita per Coop Alleanza 3.0: "Perdita messa in conto"

Il colosso cooperativo si appresta a varare un bilancio "in rosso" di 37 milioni di euro. Nella lettera ai soci si rimarca l'aumento delle vendite, ma si evidenzia come gli investimenti non hanno dato i frutti sperati

"Il bilancio dell’anno appena trascorso si chiude con una perdita di -37 milioni di euro, sostanzialmente in linea con quanto previsto. Le vendite sono in aumento, grazie al contributo di EasyCoop e della rete del franchising, ma non tutti gli investimenti fatti hanno ancora dato i risultati attesi". Così Coop Alleanza 3.0 introduce il bilancio 2017 del gruppo, che a breve i soci saranno chiamati ad esaminare e a votare. Una premessa non certo entusiasmante per il colosso cooperativo, anche se la solidità aziendale non viene messa in discussione.

"Il nostro piano strategico 2017-2019 prevedeva numerosi investimenti per lo sviluppo della cooperativa, mettendo in conto una perdita in attesa di segnali incoraggianti dai progetti intrapresi - specifica la cooperativa nelle indicazioni fornite ai soci per meglio orientarsi di fronte ad un bilancio tecimanente molto complesso per i non addetti ai lavori -  Abbiamo affrontato lunghe e complesse ristrutturazioni dei negozi e rinnovato gli assortimenti per rispondere ai nuovi bisogni di soci e clienti. A fronte di questi dati abbiamo scelto di non aggiungere al nostro piano strategico nuove azioni – già numerose e sostanziose – ma di concentrarci ancora di più sulla nostra ragione d’essere: il continuo miglioramento del prodotto Coop, sintesi della nostra missione, e il focus ancora più stringente sui nostri soci, destinatari finali di ogni nostra azione.

Preoccupazione? Solo moderata. L'obbiettivo ora è quello di fronteggiare i costi migliorando l'efficienza e riducendo gli sprechi. "La nostra Cooperativa è solida, lo dicono tutti gli indici economici e finanziari previsti per il nostro istituto: liquidità, immobilizzo, patrimonio netto e debito verso soci sono ampiamente nei limiti previsti dalla legge e sono costantemente tenuti sotto controllo - assicura Coop Alleanza 3.0 - La consistenza del patrimonio e delle vendite della Cooperativa rispetto all’ammontare del Prestito sociale, l’ampio rispetto del vincolo di liquidità e il basso grado di immobilizzo sono elementi che sottolineano la costante attenzione della Cooperativa per mantenere il Prestito raccolto presso i propri soci sempre ai massimi livelli di garanzia e solidità. La legge richiede che l’ammontare del Prestito non superi il Patrimonio di più di 3 volte. Siamo attorno a una volta e mezzo, ben al di sotto del livello massimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Scontro in via Salvo D'Acquisto, l'ambulanza si ribalta

  • Coronavirus. Unimore sospende lezioni ed esami per tutta la settimana

Torna su
ModenaToday è in caricamento