Scioperi senza sosta alla Caprari, l'azienda minimizza le adesioni

I vertici di Caprari sottolineano come gli scioperi creino destabilizzazione, ma vengano seguiti solo da un terzo dei lavoratori. L'ad Alberto Caprari: "Continuiamo a lavorare affinché questa situazione di conflittualità possa trovare una ragionevole soluzione"

Da alcuni mesi l’azienda Caprari sta portando avanti un confronto serrato con le organizzazioni sindacali in merito al rinnovo del contratto aziendale. Al momento le parti si trovano su posizioni ancora distanti e l’azienda subisce un nutrito pacchetto di scioperi, organizzati dalla Fiom cittadina, che rivendica maggiori diritti nel nuovo contratto.

"E’ ovvio che questa conflittualità non favorisce per nulla la competitività di un’impresa che ha sempre cercato il dialogo - puntualizza l'azienda modenese in uan nota - Per Caprari competitività significa innovazione continua e investimenti. Vuole dire capacità di stare sui mercati internazionali e, possibilmente, conquistarne di nuovi. Ma vuole dire anche relazioni corrette ed efficaci con le maestranze tutte e con le rappresentanze sindacali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carprari prosegue poi mettendo il luce il fatto che in questi ultimi mesi sui principali mezzi di informazione locale sono apparsi "numerosi articoli fuorvianti, con toni piuttosto trionfalistici sull’esito positivo degli scioperi effettuati". “A questo proposito” - afferma l’amministratore delegato Alberto Caprari - “riteniamo opportuno precisare che le 14 ore di sciopero complessivamente effettuate da settembre a oggi per il rinnovo del contratto aziendale, hanno registrato la partecipazione effettiva solo di un terzo dei dipendenti, contrariamente a quanto da mesi viene diffuso. Queste adesioni, pertanto, sono espressione di una netta minoranza, che non interpreta il sentimento e la posizione della maggior parte dei nostri dipendenti: la volontà della stragrande maggioranza della nostra qualificata forza lavoro è ad oggi infatti completamente ignorata".
 
"In ogni caso noi continuiamo a lavorare affinché questa situazione di conflittualità possa trovare una ragionevole soluzione - conclude l'amministratore delegato - Confidiamo nella disponibilità della controparte sindacale a ricercare soluzioni condivise da tutti, che consentano all’azienda e ai suoi collaboratori di ritrovare la serenità e la tranquillità necessarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento