Lo stabilimento Maserati si ferma ancora, nuova cassa integrazione per i dipendenti

L'annuncio arriva dall'azienda a pochi mesi dall'ultimo ricorso agli ammortizzatori sociali. Le catene di montaggio si fermeranno da metà dicembre a inizio gennaio

Si è svolto venerdì scorso 24 novembre l’incontro tra la direzione aziendale di Maserati e le organizzazioni sindacali sull’apertura di un periodo di cassa integrazione per i lavoratori in produzione. Gli incontri con le organizzazioni sindacali sono avvenuti separatamente come sta succedendo da qualche anno a questa parte nel Gruppo Fca. 

Nell’incontro l’impresa ha annunciato l’apertura di una cassa integrazione ordinaria per tutti i 270 lavoratori in produzione e/o indiretti di produzione dello stabilimento di via Ciro Menotti, per 6 giorni a partire dal 15 dicembre e sino al 22 dicembre 2017. In questo modo l’azienda opera un fermo produttivo dal 15 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018, unendo il periodo di cassa integrazione al periodo di chiusura collettiva per festività natalizie. La cassa integrazione viene richiesta dall’azienda per la contrazione di domanda delle autovetture che si stanno attualmente producendo in Maserati Spa, ovvero l’Alfa 4C e i due modelli a marchio Maserati. 

La Fiom/Cgil giudica questo lungo fermo un "segnale negativo perché non è tanto il periodo in sé di cassa integrazione, ma la mancanza di un piano produttivo a medio-lungo termine per lo stabilimento del tridente che preveda l’allocazione di uno o più nuovi modelli su Modena per mantenere il numero di occupati oggi esistente". 

All’incontro la Fiom/Cgil ha infatti chiesto quali siano i volumi produttivi previsti per il 2018, visto che l’azienda stessa ha dichiarato che in estate giungerà a termine la produzione dei 2 modelli Maserati. La risposta è stata che il 2018 sarà un anno simile al 2017 per i volumi produttivi, ma questo non lascia ben sperare sul rilancio dello stabilimento modenese visto che nel corso del 2017 è stato fatto ricorso per 5 mesi ai contratti di solidarietà (gennaio-maggio) e a quest’ultima più recente settimana di cassa integrazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre nell’ultimo quinquennio, da agosto 2015 ad oggi, Maserati ha già utilizzato 6,5 mesi di ammortizzatori sociali (tra contratti di solidarietà e cassa integrazione) dei 24 mesi a disposizione sino a settembre 2020, e ciò insieme alla mancanza di prospettive produttive e di nuovi modelli,  rafforza i motivi di preoccupazione. Infatti, ad  oggi non ci sono notizie certe su nuovi modelli a marchio Maserati da produrre a Modena e anche se nel piano industriale futuro dovesse essere assegnato un nuovo modello a marchio Maserati, occorrerebbero parecchi mesi per la messa in produzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

Torna su
ModenaToday è in caricamento