Sindacati, richiesta a gran voce la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs ER chiedono a Governo e Regione un provvedimento univoco che stabilisca la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali. "Valuteremo iniziative nei confronti di chi, ancora oggi, mette il profitto davanti alla salute"

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs ER ribadiscono a gran voce (dopo l'appello alla Regione Emilia-Romagna della scorsa settimana) la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali, al fine di garantire un minimo di riposo agli addetti del settore.

Nel comunicato stampa, i sindacati affermano che questi giorni costituiscono una "fase decisiva per la lotta alla diffusione del Covid-19" e che è quindi necessario "continuare ad agire con grande responsabilità [...] limitando gli spostamenti alle sole primarie necessità, rispettando in tutti i luoghi di lavoro le norme e i protocolli di sicurezza".

"In una fase delicata e cruciale come questa, non comprendiamo il fatto che non si sia ancora intervenuti per predisporre la chiusura la domenica di tutti gli esercizi commerciali, compresa la vendita dei generi alimentari"  dicono le associazioni, invocando un'indicazione univoca, dato che solo alcune delle aziende del settore hanno colto il loro invito della settimana scorsa scegliendo di chiudere.

"Un intervento da parte del Governo e della Regione Emilia Romagna garantirebbe un minimo, ma necessario, riposo agli addetti di settore. Permetterebbe di limitare ulteriormente gli spostamenti di persone nelle giornate indicate, con maggior beneficio della collettività e senza alcuna preclusione della fornitura di beni di prima necessità (come i generi alimentari) garantita con le aperture nelle restanti giornate": queste le motivazioni della richiesta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs ER concludono auspicando ad un intervento risolutivo: in caso contrario "saranno valutate eventuali iniziative nei confronti di chi, ancora oggi, mette il profitto davanti alla salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la mascherina e sputa ai carabinieri, denunciata insieme al compagno

  • Coronavirus, altri 139 casi a Modena. I decessi salgono a 61

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • LE FOTO | Modena, posti di blocco ad est e ovest della città "fantasma"

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

Torna su
ModenaToday è in caricamento