Concordato in dubbio per la Piacentini Costruzioni, a rischio dipendenti e indotto

Preoccupazione dei sindacati edili modenesi per il futuro degli 85 lavoratori modenesi della Piacentini Costruzioni spa, che ha la sede legale a Montale di Castelnuovo Rangone

Oggi si è tenuto un incontro tra l’azienda Piacentini Costruzioni spa e Filca Cisl Emilia Centrale-Fillea Cgil Modena-Feneal Uil Modena per un esame congiunto della situazione venutasi a creare dopo che il tribunale di Modena aveva in prima istanza autorizzato il piano aziendale contenuto nella richiesta di concordato in continuità. I sindacati specificano che l’azienda era in attesa del voto dei creditori per riprendere pienamente l’attività con i benefici sospensivi previsti dal concordato in continuità.

"Tuttavia nell’incontro di oggi – riferiscono Filca-Fillea-Feneal - la Piacentini Costruzioni ci ha comunicato che, nonostante il precedente via libera del tribunale alla possibilità di sottoporre il piano aziendale all’assemblea dei creditori, nelle scorse settimane sono emersi da parte del commissario alcuni ulteriori elementi che potrebbero portare a una modifica della precedente decisione del tribunale. Questa novità ci preoccupa, perché è in ballo non solo il futuro di una realtà all’avanguardia in termini costruttivi, specializzata nell’uso di palancole per la realizzazione di grandi opere infrastrutturali di alta ingegneria, in particolare nell’ambito idraulico, ma anche tutto l'indotto legato alla sua attività".

Cìè dunque un'ansia comprensibile intorno a questo delicato snodo che vede protagonista l'azienda con sede a Montale Rangone e che attualmente occupa 85 lavoratori nel modenese. "Il rischio, quindi, – continuano i sindacati - è di perdere, oltre agli 85 posti di lavoro diretti attualmente disponibili sul territorio modenese, ovvero un intero capitale umano, professionale e industriale, anche un numero ben più ampio derivante dagli addetti dell'indotto".

"Per questo il nostro auspicio è che vengano chiarite al più presto le nuove difficoltà emerse recentemente e che l'azienda possa presentare ai creditori la proposta di un piano industriale che – concludono Filca Cisl Emilia Centrale-Fillea Cgil Modena-Feneale Uil Modena – consenta il rilancio dell’attività della Piacentini Costruzioni e la salvaguardia dell’occupazione".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto a soli 37 anni Giuseppe Loschi, medico del Modena Fc

  • Carambola fra quattro auto in via Giardini a Formigine, grave un'anziana

  • Sospetto caso di Dengue, disinfestazioni in tre aree della città

  • Il ladro finisce in carcere e ringrazia i carabinieri che comprano i pannolini per il figlio

  • Gravi incidenti in sequenza, martedì nero sullo snodo autostradale di Modena

  • Prevenzione dell’ictus, la Chirurgia Vascolare di Baggiovara introduce una nuova variante

Torna su
ModenaToday è in caricamento