Tasso di occupazione in provincia, Modena è quarta in Italia

Il nostro territorio è ai piedi del podio sul versante del lavoro, con una percentuale del 68,8% di occupati. I dati analizzati dall'Ufficio Studi di CNA mostrano che più sono numerose el imprese artigiane, minore è il numero di disoccupati

A un passo dal podio delle città a maggior tasso di occupazione, grazie in particolare al ruolo svolto dalle imprese artigiane. La speciale classifica - stilata dall’Ufficio Studi di CNA - delle città con il più elevato tasso di occupazione vede Modena al quarto posto in Italia, appaiata a Belluno, e seconda solo a Bologna a livello regionale. 

Per quanto riguarda le cifre, nella nostra provincia il tasso di occupazione si attesta al 68,8% e quello di disoccupazione al 6,6%. A sostenere le dinamiche occupazionali provinciali, ancora una volta, il settore manifatturiero, dove l’occupazione, nel periodo 2008-20016 regge meglio che in altri territori, ad esempio le confinanti Reggio Emilia e Bologna. Al contrario, nell’ambito dei servizi la crescita degli occupati sul nostro territorio è minore rispetto a quella di altre aree emiliano romagnole.

Ma la correlazione più interessante per CNA è senz’altro quella che emerge tra occupazione e numerosità delle imprese artigiane: laddove queste sono più numerose, il livello di occupazione è maggiore. Infatti, eccezion fatta per Milano, nella classifica delle prime dieci città a maggior tasso di occupazione, solo il capoluogo meneghino vanta una percentuale di imprese artigiane al di sotto della media nazionale. Nel modenese il tasso è del 28,4%.
 
“E’ la prova – sottolinea Umberto Venturi, presidente della CNA di Modena – del contributo che le piccole imprese danno all’occupazione, quella reale, quella solida. Imprese che, però, spesso non hanno la dignità che meritano. Ad esempio, sul versante degli incentivi, spesso progettati sulla base di soglie minime di investimenti che sono ben al di sotto delle possibilità delle pmi”. Invece queste imprese – a Modena più di un’azienda su quattro ha lo status di azienda artigiana – avrebbero bisogno di aiuti, visto che dal 2009 a fine 2015 l’Albo delle imprese artigiane ha conosciuto un calo di 2.783 unità, quasi 400 all’anno.

“In molti casi si tratta di imprese che cessano per un problema di trasmissione aziendale. Sotto questo profilo CNA ha più volte richiesto l’approvazione di misure fiscali, peraltro già individuate, che possono agevolare il passaggio di imprese e di competenze che altrimenti rischierebbero di andare irrimediabilmente perdute. Ma servono anche aiuti più immediati e concreti. Oggi sentiamo parlare spesso di start up innovative, di spin off universitari. Crediamo necessario concentrarsi anche su imprese più tradizionali, che magari fanno innovazione approssimativamente, in modo poco istituzionalizzato, ma che di certo contribuiscono ancora oggi in modo determinante al benessere del nostro territorio. Pochi anni fa queste politiche di sostegno si basavano su insediamenti agevolati – i cosiddetti Pip - di credito. Oggi, invece, l’aiuto può essere declinato in infrastrutture informatiche, sicurezza. Insomma, se parliamo solo di Industria 4.0, per quanto questa sia importante per il futuro del Paese, rischiamo di lasciare per strada pezzi importanti della nostra economia”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Cena aziendale degenera, minaccia il collega armato di coltello e forchettone

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Truffa del CD-rom, incastrato un 45enne dopo sette colpi in città

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Si affrontano in strada per una donna "contesa", feriti e denunciati

Torna su
ModenaToday è in caricamento