Le esportazioni hanno superato i livelli del 2008, i prodotti modenesi respirano l'aria pre-crisi

Forse è ancora troppo presto per dirlo, ma i dati Istat sulle esportazioni raccontano una provincia di Modena in ascesa. Infatti i 3 miliardi di euro di prodotti esportati nel secondo semestre 2015 superano i dati del 2008, cioè di prima della crisi

Ha registrato una sensibile accelerazione l'export modenese nel secondo trimestre del 2015, è questo il risultato pubblicato dal Centro Studi e Statistica della Camera di Commercio di Modena dei dati Istat. Con 3.099 milioni di euro, si è raggiunto il valore più alto del picco, superando i 2.949 milioni raggiunto nel secondo trimestre 2008, prima delle ripetute crisi che hanno interessato l’economia italiana. L’incremento rispetto al trimestre precedente risulta quindi del +8,1%, mentre l’aumento tendenziale trimestrale è pari a +5,3%.

CONFRONTO TRA PROVINCE E REGIONI. Il confronto regionale del primo semestre mostra Modena al quinto posto per incremento tendenziale (+3,7%), mentre la crescita maggiore è data da Forlì-Cesena (+7,8%), seguita da Ferrara (+7,2%) e da Bologna (+7,0%). Le uniche due province negative sono Rimini e Piacenza. A livello nazionale, invece, sono il Lazio (+14,4%) e la Calabria (+12,3%) a guidare i segni positivi di quasi tutte le regioni. L'Emilia-Romagna si ferma al 4,4% contro una media nazionale del +5,0%, abbassata da Sicilia, Marche e Molise.

I SETTORI PIU' IN CRESCITA. Continua anche nel semestre l’exploit positivo del settore biomedicale, che, rispetto al 2014, aumenta del 43,3%, altri settori positivi sono i mezzi di trasporto (+8,9%), il ceramico (+8,1%) e l’agroalimentare (+7,6%). In lieve calo il tessile abbigliamento (-0,5%) e le ‘macchine e apparecchi meccanici’ (-0,4%), mentre pesante è la perdita dei trattori (-20,0%).
 
VERSO CHI ESPORTIAMO? Tra i primi dieci paesi di sbocco per l’export modenese spiccano gli Stati Uniti, che ormai da soli assorbono il 15,8% dell’export totale e, nel primo semestre del 2015, aumentano ulteriormente del 21,7%. Il Giappone risale velocemente la classifica con incrementi pari al 49,5% e buono risulta il trend dei Paesi Bassi (+16,7%). Non vanno tanto bene invece i mercati tradizionali di sbocco delle nostre merci: Francia e Germania perdono entrambe il 5,3%, così come Austria (-10,7%) e Belgio (-4,7%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento