Fusione tra due marchi della moda carpigiana, Liu Jo incorpora Blumarine

L'imprenditore Marchi ha acquistato la casa di moda della collega Anna Molinari. Soddisfazione da parte del sindacato: "Strada da seguire"

Novità molto significativa per il polo della moda carpigiana. Liu Jo, dopo voci che si rincorrevano da mesi, ha infatti formalizzato l'acquisto di Blumarine, storico brand fondato oltre 40 anni fa da Anna Molinari. Una fusione della quale al momento non sono noti altri dettagli, ma che consolida le due aziende e punta a rilanciare due marchi molto noti nel panorama della moda nazionale.

Una notizia che è stata accolta con favore anche dal sindacato dei lavoratori tessili Femca Cisl Emilia Centrale: "Questa operazione realizza un gruppo dalle enormi potenzialità, teoricamente in grado di sostenere lo sviluppo di tutto il distretto carpigiano della moda – commenta il sindacalista Cisl Roberto Giardiello - In attesa di conoscere il piano industriale, pensiamo ci siano le premesse per il rilancio di Blumarine, un’azienda che ha contribuito alla gloriosa storia del fashion, non solo a Carpi".

Giardiello paragona l’acquisizione di Blumarine da parte di Liu Jo a quella dei mesi scorsi del fondo Hig Europe, che ha comprato Cadica, Tessilgraf e Bernini, avviando di fatto la costituzione di uno dei principali provider mondiali di etichette e accessori per il mondo della moda.

L'imprenditore Marco Marchi, patron di Liu Jo, si dimostra quindi molto attivo, dal momento che la notizia della fusione con Blumarine arriva a poche ore da un'altra operazione significativa: l'ingresso nella compagine societaria della catena Coin.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

Torna su
ModenaToday è in caricamento