Da Modena a Milano (e oltre): il gelato Borghi alla conquista d'Europa

La famiglia Borghi, attiva a Modena da generazioni nel settore gelateria, sta portando avanti un progetto imprenditoriale di livello internazionale e l'inaugurazione del primo punto vendita è stata a Milano. Poi toccherà a Vienna

Sono “gelatai” dal 1977, anno in cui la famiglia aprì la sua prima gelateria in Corso Canalgrande (quella che oggi come ieri si chiama K2 ed è la più storica nel centro di Modena) ed operano tutt’ora in città con un punto vendita in Via Emilia Est. Hanno avuto l’onore di avere come clienti abituali anche il grande Enzo Ferrari e il Maestro Luciano Pavarotti e di ricevere riconoscimenti prestigiosi di settore come il Cono d’Oro per il gusto crema e il Merlino per il gusto cioccolato.

Andrea Borghi però, 38 anni e una carriera avviata di pilota d’aerei di linea, ha deciso di valorizzare la tradizione, l’esperienza e il know how di nonno Giuseppe e papà Alessio, nella realizzazione di un progetto imprenditoriale che ha l’ambizione di fare diventare il nome “Borghi” sinonimo di gelato italiano di alta qualità nel prodotto e nel servizio, a livello internazionale. Passione e coraggio sono del resto presupposti fondamentali sia della carriera del pilota che di quella dell’imprenditore.

Il progetto prevede l’apertura in Italia e all’estero di vere e proprie boutique del gelato italiano in città fortemente turistiche, punti vendita “glocal” accoglienti, italiani nel design e con un’immagine curata nel dettaglio, che offrano un prodotto, il principale sarà il gelato fresco, la cui produzione è italiana, di alta qualità, ispirata alla tradizione, ai principi di slow food e rispettosa delle radici emiliane dell’attività. 

“Si tratta di una realtà imprenditoriale nel settore gelateria che ha l’ambizione di essere diversa da quelle già presenti sul mercato, non vogliamo ritenerci migliori di altre realtà simili, desideriamo semplicemente essere diversi e continuare a fare il mestiere che connota la mia famiglia da generazioni in maniera responsabile e con l’obiettivo di soddisfare la clientela”, dice Andrea Borghi, che conclude affermando che: “ Il mio sogno personale poi, è anche quello di creare qualcosa di significativo per i miei tre figli che adesso sono molto piccoli, ma che spero in un futuro siano orgogliosi di questa impresa di famiglia. Il negozio di Modena resterà per ora una gelateria classica, l’impegno profuso in questo nuovo format è soprattutto verso l’estero.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l’apertura del primo punto vendita del nuovo brand è stata scelta la città di Milano, icona di stile, centro della moda e sede di business; la gelateria si trova proprio accanto Piazza Duomo, cuore della città. La prima città estera di adozione sarà invece Vienna, capitale austriaca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento