Maserati. Produzione a termine nel 2018, ma nessuna certezza sui nuovi modelli

Oggi un incontro tra le istituzioni locali (Regione e Comune) e i sindacati Cgil, Cisl, Uil e Fismic. L'azienda non ha ancora fornito lumi sul futuro dell'impianto di via Divisione Acqui

Oggi a Modena si è svolto un incontro tra sindacati e rappresentanti delle istituzioni per fare il punto sulle prospettive produttive dello stabilimento Maserati di via Divisione Acqui. Presso il Comune di Modena erano presenti l’assessore regionale alle Attività Produttive Palma Costi, il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli e le organizzazioni sindacali Fim/Cisl, Fiom/Cgil, Uilm/Uil, Fismic di Modena. 

Nell’incontro di oggi si sono condivise le informazioni in possesso dei sindacati e dei rappresentanti delle istituzioni in merito alle prospettive produttive dello stabilimento modenese. L’incontro è stato utile per lo scambio di informazioni, ma non ha sciolto il nodo di quali possibili nuovi modelli di auto verranno prodotti nello stabilimento modenese. Infatti, sia istituzioni che sindacati non sono a conoscenza se e quali modelli verranno allocati a Modena a marchio Maserati, e questa incertezza permarrà sino a marzo 2018 quando dovrebbe essere presentato il piano complessivo dei nuovi modelli da allocare negli stabilimenti Maserati in Italia. 

In questo momento in Maserati a Modena si producono i re-styling dei vecchi Maserati Coupè e Gran turismo, che, per le informazioni in possesso dei sindacati, dovrebbero andare a fine produzione a metà 2018 con una possibile continuazione al massimo sino alla fine del 2018. Dopo questa data, al momento, non ci sono certezze.

"Non è usuale chiedere un incontro con le istituzioni sulla situazione produttiva di uno stabilimento, ma data l’assenza di relazioni sindacali in Maserati, l’incontro di oggi rimane l’unico momento di scambio di informazioni. Sindacati e Istituzioni si sono dati appuntamento a ri-aggiornarsi entro febbraio 2018", spiega la Fiom/Cgil, che ritiene indispensabile che a Modena vengano portati uno o più modelli in grado di garantire il mantenimento dell’attività produttiva e dell’occupazione dei circa 300 lavoratori diretti alla produzione attualmente in forza a Modena. La necessità di continuare a produrre modelli Maserati a Modena è anche funzionale all’importante implementazione del centro di progettazione avvenuta in questi mesi. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Marchionne lascia, Ferrari sarà guidata da Louis Carey Camilleri

  • Politica

    Ipermercato e area commerciale all'ex Cisa Cerdisa, pubblicata la Variante

  • Cronaca

    Fungaiolo ferito nei boschi in zona Cento Croci, lunga operazione di soccorso

  • Politica

    Anche l'Osservatorio Ambientale del Comune di Nonantola cotrario alla delocalizzazione delle Fonderie

I più letti della settimana

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Modena bocciata dal Sole 24 Ore per qualità della vita. Male sicurezza e cultura, bene occupazione

  • Truffa della casa casa-vancanze, turista carpigiano finisce in un campo nomadi

  • Scontro con ribaltamento al Villaggio Giardino, quattro persone ferite

  • Arrestato per essersi spacciato per un altro, il gestore del KYI patteggia sei mesi

  • Travolto da un'auto a Concordia, muore un 16enne in moto

Torna su
ModenaToday è in caricamento