L'imprenditore modenese Lapo Secciani presenta a Bruxelles il "Reddito d’Impresa"

Missione europea con imprenditori dell’Emilia-Romagna: “Fare al posto di aspettare”

È stato presentato in questi giorni presso la delegazione dell’Emilia-Romagna e il Parlamento Europeo di Bruxelles la proposta di Reddito d’Impresa, come alternativa al Reddito di Cittadinanza. L’autore della proposta è l’imprenditore modenese Lapo Secciani sostenuto da imprenditori e futuri imprenditori dell’Emilia-Romagna, nonché dalla Fondazione Ora.

“Il Reddito di Cittadinanza è una scommessa che Di Maio spera di vincere, ma non ci riuscirà - spiega Secciani - perché presuppone posti di lavoro che con si creeranno. Chi assumerà coloro che percepiranno questo Reddito? Nessuno, perché alla base del progetto mancano le competenze e il dialogo aperto con il mondo dell’imprenditoria.”

Partendo da questi presupposti Lapo Secciani - che nei giorni scorsi era balzato alle cronache anche per aver inviato aiuti a bordo della nave Sea Watch 3 - ha proposto il Reddito d’Impresa all’interno di un progetto più ampio chiamato “Accelerazione Italia”. La proposta consiste nel dialogo aperto tra Stato, imprese e cittadini, affinché l’imprenditoria sia una prospettiva concreta basata su una formazione di alto livello.

Il Reddito d’Impresa si concentra su due aspetti principali, ovvero il finanziamento alle imprese che hanno pagato le tasse e hanno possibilità di crescita, e percorsi di formazione per imprenditori attraverso l’esperienza di chi dirige le aziende italiane di successo. Un progetto che vuole diffondere la voglia di fare impresa e sostenere chi sceglie questa strada affinché sia in grado di crescere e creare posti di lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In vista di una crescita del Paese, e ancor più innanzi alla recessione - conclude Secciani - lo Stato deve investire sulla formazione e la competitività delle imprese. E’ necessario favorire chi ha lavorato onestamente, contrariamente a chi propone condoni fiscali o progetti di assistenzialismo.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento