Molti scontrini ma ricavi bassi, il piccolo commercio e gli "sconti di Santo Stefano"

Lapam Licom offre una prima riflessione sulle vendite di Natale e punta il dito contro il Black Friday e le svendite improvvisate

"La concorrenza dei colossi del web, la nuova abitudine ormai consolidata del black friday, le temperature pazze che non invitano a cambiare il proprio guardaroba, l’abitudine agli acquisti a rate, le grandi catene, gli sconti che partono subito dopo Natale, o a volte anche prima..."

“Il paradosso è che il 27 dicembre, subito dopo Natale, il centro storico di Modena è pieno quanto se non di più rispetto alla vigilia – fa notare Cinzia Ligabue, presidente Licom (i commercianti aderenti a Lapam) – e anche questa è una nota particolare. Immediatamente dopo la festa arrivano messaggi su messaggi con sconti e offerte promozionali, sia online che offline, che mettono oggettivamente in difficoltà i clienti. Cosa finisce in sconto? Mi posso fidare se mi dicono che un oggetto, un campo d’abbigliamento o altro, sono parte di una nuova collezione o tra pochi giorni li troverò a prezzi ribassati? Queste domande, che trovano risposta solo nel rapporto di fiducia tra commerciante e cliente, sono però perfettamente legittime in tempi come questo”.

Una rapida, e logicamente incompleta, analisi delle vendite natalizie fa emergere alcune linee: da una parte la buona tenuta, quando non una crescita, dell’oggettistica da regalo e l’oggettistica in genere, mentre ancora una volta a essere penalizzato è l’abbigliamento con i capi classici (mentre vanno bene gli accessori). Il settore telefonia, elettrodomestici e hi tech soffre moltissimo il black friday: molte persone approfittano di questi sconti per acquistare oggetti di alta tecnologia e non attendono in Natale. Di fatto i negozi di telefonia sono pieni per questioni legate all’assistenza e ai servizi più che alla vendita di beni. Stabili gli alimentari di alta gamma, quelli che vanno più di moda per le feste anche grazie alle tradizionali ceste regalo.

“Il Natale non è più quello di un tempo – sottolinea Ligabue – e questo è normale, in generale quest’anno gli scontrini sono stati molti, ma la media di ciascuna vendita è piuttosto bassa. Meno normale è che, appunto, ci sia una deregolamentazione ormai massiccia che non riguarda più solamente il settore online (che, peraltro, deve essere sottoposto a una legislazione ad hoc perché di questo passo il sistema crollerà, non solo con la morte di tantissimi piccoli punti vendita ma anche con il cadere a picco delle tutele per i lavoratori) ma anche il settore più tradizionale. E’ tempo – conclude la presidente Licom – di mettere mano alle regole per il commercio, oggi tutti, dai clienti a noi operatori, siamo disorientati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

Torna su
ModenaToday è in caricamento