Mantovanibenne. Quando il lavoro  si fonde con arte, salute e benessere sociale

L'azienda di Mirandola, che da oltre 50 anni investe in qualità e innovazione di prodotto, si fa promotrice di più progetti per la tutela della salute  e del benessere fisico e psichico di dipendenti, dei ragazzi delle scuole secondarie e di tutta la comunità locale

"La Fabbrica, dove l'arte incontra la sua anima". Questo il tema dell'evento che si è svolto martedì 24 ottobre a Mirandola presso la sede della Mantovanibenne, inaugurata nel 2013, dopo gli ingenti interventi di rinnovamenti resisi necessari a causa del terremoto. La serata, organizzata in collaborazione con il Lions Club di Mirandola, è stata l’occasione per presentare il concorso di idee "Movimento, stile di vita, salute e benessere sociale" intitolato alla memoria di Sebastiano Mantovani, nel decimo anniversario della scomparsa.

Il progetto è rivolto agli alunni delle Scuole Secondarie di 1° e 2° grado del territorio di Mirandola, Concordia s/Secchia, Cavezzo, Medolla, San Possidonio e San Prospero e agli studenti del Corso di laurea in Infermieristica dell'Università di Modena e Reggio Emilia con l’obiettivo di favorire sani stili di vita e prevenire l’insorgenza di patologie croniche, con particolare riferimento al diabete di tipo 2.

"Da aprile -ha dichiarato Roberta Mantovani, presidente e amministratore delegato di Mantovanibenne - abbiamo promosso un programma di salute e benessere rivolto a tutti i nostri dipendenti, un percorso individuale con la Dottoressa Alessandra Morgante biologa-nutrizionista per imparare ad alimentarsi meglio a e prendersi cura di sé."

"Questo concorso rappresenta un ulteriore passo avanti - continua la presidente - vogliamo coinvolgere l’intera comunità, e in particolare i giovani, in un programma di prevenzione e tutela della propria salute, partendo dagli aspetti più importanti: una sana e adeguata alimentazione e una corretta e costante attività fisica. Così, quando il presidente del Lions Club Mirandola Guido Zaccarelli ci ha presentato il progetto, abbiamo immediatamente deciso di sostenerlo."

Durante l’evento i numerosi ospiti hanno potuto inoltre visitare lo stabilimento e osservare da vicino i diversi processi produttivi e in particolare come partendo da una semplice lamina di ferro, si arrivi ad ottenere un prodotto finito ed esclusivo nel suo genere. Molto interesse hanno suscitato le opere d’arte realizzate dall’azienda in occasione del Festival della Filosofia di quest’anno: “Trituratori di memoria riciclata". Si tratta di due delle opere di "Cambia menti", un progetto-mostra allestito nel cortile del Palazzo della Pieve a Carpi dall’artista Adolfo Lugli, anch’egli presente alla serata.

Le opere, ora visibili nel cortile interno dell’azienda, sono state realizzate dai dipendenti che, grazie ai preziosi consigli dell’artista e alle sue lezioni di arte in fabbrica, hanno dato nuova vita a vecchie attrezzature dismesse. Ospite d'onore della serata è stato il Dottor Claudio Marcello Costa, inventore della prima Clinica Mobile, innovativa modalità di soccorso apprezzata da tutti i piloti del motomondiale e tuttora imitata nel mondo del motociclismo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

  • Spaccio e clandestini, chiuso per dieci giorni il bar Nuovo Fiore

  • Regionali. Bonaccini esulta, domani sera festa in Piazza Grande

Torna su
ModenaToday è in caricamento