Merce usata nei mercati: il divieto di vendita si estende in provincia

Si è partiti da Modena e ora il divieto di vendere merce usata all’interno dei mercati si estende anche a Mirandola e Sassuolo. Guaitoli: “Tutto ciò a tutela della clientela e della libera concorrenza tra imprenditori”

“Ora il divieto di vendere merce usata all’interno dei mercati che si tengono in provincia di Modena va esteso. Dopo l’ottimo risultato ottenuto nel capoluogo puntiamo a fare in modo che s’introducano regolamenti comunali analoghi, volti a fissare regole precise anche in altri centri. Tutto questo a tutela della clientela e della libera concorrenza tra imprenditori.”

Sono queste le parole di Alberto Guaitoli presidente di ANVA Confesercenti Modena che da tempo è impegnato insieme a FIVA Confcommercio Modena su questo fronte.

Tra gli obiettivi di tale divieto c’è anche quello di evitare problemi dovuti alla scarsa sanificazione delle merci, così come di prevenire situazioni dubbie sulla provenienza di abiti e calzature ed evitare che l’abbandono delle merci dopo il turno di mercato, fenomeno piuttosto diffuso, scaricasse su tutti gli ambulanti costi dovuti all’obbligo di smaltimento.

In queste settimane infatti i rappresentanti di ANVA  Confesercenti Modena hanno già incontrato gli amministratori di Mirandola e Sassuolo e in entrambi i casi si è potuto constatare che rispetto al tema vi è sicuramente una notevole attenzione. La richiesta è stata avanzata anche al Comune di Carpi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

Torna su
ModenaToday è in caricamento