Ferrari in crescita, nel 2018 salgono del 10% le auto consegnate

Obietivi raggiunti per la casa di Maranello, che guarda al 2019 con ottimismo e ricavi previsti in aumento del 3%

Ferrari svela i suoi risultati preliminari consolidati relativi al quarto trimestre e ai 12 mesi del 2018, e sfoggia 9.251 auto consegnate, in aumento del 10,2%, ma anche ricavi netti 3.420 milioni di euro (in crescita dello 0,1% o del 3,2% a cambi costanti) e un margine operativo lordo a 1.114 milioni di euro (+7,5% o +16,8% a cambi costanti).

L'azienda del Cavallino rampante segnala anche la "generazione di free cash flow industriale per 405 milioni di euro, incluso l'impatto positivo per cassa dell'agevolazione Patent Box per il 2015-2017" e un indebitamento industriale netto a 340 milioni euro (240 milioni escludendo l'acquisto di azioni proprie).

Con queste premesse si punta, per il 2019, ad aumentare ancora i ricavi fino a 3,5 miliardi (un +3%). Rileggendo le performance del suo recentissimo passato, Ferrari parla di "un altro anno di crescita sostenuta, tutti i target 2018" sono stati raggiunti o superati".

(DIRE)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina il Centrofutta di Pozza, arrestato dopo una breve fuga

  • Attualità

    Polveri sottili verso quota 100, blocco straordinario del traffico fino a giovedì

  • Cronaca

    Ancora un furto di champagne, straniero in manette a La Rotonda

  • Cronaca

    Entra in maglietta, esce con due giubbotti addosso senza passare dalla cassa: denunciato

I più letti della settimana

  • Scomparsi. Ritrovato lungo la ferrovia il cadavere di Aurora Lagianella

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e Provincia

  • Fa irruzione a scuola per baciare la segretaria, giovane denunciato

  • Dà in escandescenza e si abbassa i pantaloni al parco, denunciato dalla Municipale

  • Completamente nudo per le vie del paese, bloccato dai Carabinieri

  • Persona investita sui binari a Mirandola, treni fermi e disagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento