Ricollocazione di 700 lavoratori e 'zero impatto' occupazionale, inizia la ristrutturazione di Coop

La sede di Alleanza 3.0 adotta un nuovo modello organizzativo: "Al via una profonda trasformazione della Cooperativa, per consentire ai punti vendita di concentrarsi al meglio sulla creazione di valore per i nostri soci"

Coop Alleanza 3.0 ha illustrato ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali il nuovo modello organizzativo della sede, che mira ad "aumentarne l’efficienza e l’efficacia" con una revisione delle strutture centrali, l’eliminazione di ridondanze di ruoli o attività, e la semplificazione dei processi. Si tratta di un intervento fisiologico e atteso dopo la fusione realizzata tre anni fa tra Estense, Adriatica e Consumatori Nordest, ma avviato solo oggi proprio per la volontà di 2vagliare tutte le migliori soluzioni, con la massima attenzione alle persone2.

"Coop Alleanza 3.0 opererà, come sempre, con un confronto continuo e nella massima condivisione con i lavoratori, e in raccordo con le organizzazioni sindacali per raggiungere l’obiettivo comune di tutelare le persone, mettendo in atto tutte le misure possibili per gestire la ricollocazione di circa 700 lavoratori della sede e azzerare gli impatti occupazionali, nell’arco di un biennio. Già fissato il prossimo incontro con le organizzazioni sindacali, previsto per il 5 febbraio", spiega in una nota il colosso della grande distribuzione.

La nuova organizzazione della sede deriva anche dalla recente semplificazione della governance della Cooperativa – che vede oggi una struttura snella con un presidente e un direttore generale – e segna l’inizio di una profonda trasformazione, tracciata dallo stesso direttore generale, per consentire ai punti vendita di concentrarsi al meglio sulla creazione di valore per i soci.

"Nei prossimi mesi saranno presentate le linee guida che permetteranno a Coop Alleanza 3.0 di essere sempre più un punto di riferimento nei territori in cui è presente e nel mercato in cui opera, e di sviluppare ulteriormente lo scopo mutualistico per cui è nata: garantire ai soci la miglior qualità ai migliori prezzi, tramite l’offerta di prodotti selezionati con grande attenzione agli aspetti della sicurezza alimentare, della tutela ambientale e del rispetto dei princìpi etici di produzione e approvvigionamento", chiosa la cooperativa, che in tutto il Paese conta 2,3 milioni di soci, 22 mila lavoratori e quasi 400 punti vendita dislocati in 9 regioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento