Stipendi non pagati e ammortizzatori in bilico, presidio alla Rizzi Spa

L’assessora al Lavoro Ingrid Caporioni nella sede di via Finlandia con i lavoratori Fiom/Cgil. C’è un impegno per la mobilità: “Mi auguro che sia confermato l’incontro in Provincia”

Presidio dei lavoratori oggi davanti ai cancelli dell’azienda metalmeccanica Rizzi Spa per protestare contro l’incertezza dei pagamenti delle retribuzioni arretrate e l’incertezza sugli ammortizzatori sociali da attivare a fronte della chiusura. Solidarietà ai 22 dipendenti dell’azienda metalmeccanica di via Finlandia è stata espressa, a nome dell’amministrazione, dall’assessora al Lavoro del Comune di Modena Ingrid Caporioni che si è recata a incontrare gli operai di persona.

“I lavoratori – spiega il sindacato in una nota - sono in cassa integrazione da aprile per prossima parziale cessazione, e l’intenzione dell’azienda è quella di chiudere lo storico stabilimento modenese e spostare tutta la produzione nell’altro stabilimento in Toscana. 
Nell’incontro per l’apertura della Cig lo scorso aprile, l’azienda si era impegnata ad incontrare sindacato e lavoratori a breve termine per verificare la possibilità di aprire una procedura di mobilità volontaria e si era altresì impegnata al pagamento delle spettanze arretrate”.

Alcuni lavoratori devono infatti ancora percepire la retribuzione di febbraio 2015, e a ciò si aggiunge il mancato pagamento dei trattamenti di fine rapporto ai 5 lavoratori usciti in mobilità nel 2014, e i mancati versamenti al fondo di previdenza complementare Cometa per quasi due anni.  Gli incontri calendarizzati insieme all’azienda per discutere di mobilità e spettanze arretrate sono sempre saltati e inoltre stamattina si sono notati movimenti strani nello stabilimento di via Finlandia 81 che hanno fatto temere il prelievo di beni strumentali dall’azienda. 

“Era una situazione poco chiara – afferma Stefania Ferrari della Fiom/Cgil – vogliamo scongiurare iniziative che possano mettere in discussione il reperimento delle risorse utili a onorare il pagamento di tutti gli arretrati dovuti ai lavoratori”. La Rizzi si era impegnata ad aprire una procedura di mobilità “ma per il momento – spiega l’assessora Caporioni – la situazione è in sospeso. Mi auguro quindi che venga confermato l’incontro tra la proprietà e i sindacati in programma per domani, giovedì, in Provincia, in modo da riuscire a trovare un’intesa per governare la crisi in modo positivo per tutti e in particolar modo per i dipendenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domani pomeriggio giovedì 11 giugno è previsto un incontro presso la sede della Provincia di Modena, in cui l’azienda dovrà dare risposta alle domande di Fiom e lavoratori su spettanze arretrate e mobilità volontaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

  • Viaggia con la figlia e 32 kg di marijuana in auto, arrestato in A1

Torna su
ModenaToday è in caricamento