Ogni festa uno sciopero, non si ferma la protesta nei centri commerciali

I sindacati non arretrano di un passo e annunciano altre iniziative di astensione dal lavoro contro le liberalizzazioni. "No alle aperture degli iper, meglio accordi come a Modena e Vignola"

I sindacati del commercio Filcams-Fisascat-Uiltcus di Modena proclamano sciopero per le giornate festive civili e religiose del 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e 15 agosto. Lo sciopero è indetto, attaccano i sindacati in una nota congiunta, "contro l'intenzione di quelle grandi catene commerciali, quali Lidl, Pam Panorama, Esselunga, Eurospin, Famila, Obi, Metro e Unieuro che intendono aprire nei giorni del 25 aprile e primo maggio". In questo modo, "i lavoratori che, malgrado la volontarietà del lavoro festivo prevista dal contratto nazionale, saranno comandati a prendere servizio, potranno astenersi", precisano le sigle.

La mobilitazione è in generale contro le liberalizzazioni degli orari commerciali introdotte dal "Salva-Italia" del 2011, con "conseguente peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita degli addetti a causa delle aperture indiscriminate festive e domenicali". Dunque, a tutte le imprese i sindacati chiedono di "rispettare le festività, aderendo ad accordi di autoregolamentazione quando proposti dalle amministrazioni locali", come a Modena e a Vignola, "sottoscrivendo accordi sindacali che prevedano la chiusura nelle festivita' previste" nei contratti nazionali.

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento