Lavoratori somministrati al posto di quelli lasciati a casa, polemica e sciopero alla Caprari

Sabato 7 marzo un presidio della Fiom davanti ai cancelli dell'azienda di via Emilia Ovest. Il sindacato contesta il ricorso a personale somministrato in sostituzione di 23 lavoratori licenziati in dicembre

Sciopero con presidio alla Caprari di Modena, il prossimo sabato 7 marzo. La Fiom/Cgil è sul piede di guerra per il ricorso dell'azienda modenese al lavoro somministrato in sostituzione di lavoro stabile, che il sindacato etichetta come una violazione delle regole. Lo sciopero sarà accompagnato da un presidio davanti allo stabilimento in via Emilia Ovest a partire dalle ore 5 del mattino, in concomitanza con l’inizio del turno alle ore 6, e sino alle ore 10. 

Lo sciopero è stato proclamato dopo che nelle assemblee di ieri di operai e impiegati è stato giudicato inaccettabile il ricorso alla mobilità volontaria in dicembre, motivata con il calo degli ordinativi del mercato estero, e il contemporaneo ricorso a distanza di un mese e mezzo all’utilizzo di 36 lavoratori somministrati che in parte stanno svolgendo lo stesso lavoro dei 23 lavoratori licenziati a dicembre. 

"In base alle regole vigenti (legge 223/91) l’azienda per far fronte alle nuove esigenze produttive, nei 6 mesi successivi alla mobilità sarebbe stata tenuta, prima di qualunque assunzione, a richiamare i lavoratori licenziati a dicembre, invece ha utilizzato lavoro somministrato - spiega il sindacato delle tute blu in una nota - Inoltre, dieci giorni fa l’azienda ha anche chiesto alla Rsu di effettuare lavoro straordinario il sabato mattina. La Rsu non si è opposta alla richiesta dell’azienda, ed era disponibile ai sabati lavorativi volontari, chiedendo però la stabilizzazione di una parte importante dei 36 somministrati. 

La Fiom/Cgil insieme alla Rsu ha perciò deciso di convocare le assemblee di tutti i lavoratori che sono stati d’accordo nel" respingere l’atteggiamento autoritario di Caprari". "L’azienda si è dimostrata indisponibile e ha dichiarato la volontà di procedere con l’utilizzo di 36 ore di straordinario comandato (obbligatorio) da effettuarsi nei prossimi sabati", conclude il sindacato, che sta valutando anche con i propri uffici legali la legittimità dell’azione aziendale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Sanità. Lo screening prenatale NIPT diventerà gratuito per tutte le donne in gravidanza

  • Contromano in Tangenziale, un agente salta in guardrail e lo blocca

  • Policlinico di Modena. Da Gennaio al via l'ambulatorio specializzato sulla paralisi facciale

Torna su
ModenaToday è in caricamento