Lavoratori somministrati al posto di quelli lasciati a casa, polemica e sciopero alla Caprari

Sabato 7 marzo un presidio della Fiom davanti ai cancelli dell'azienda di via Emilia Ovest. Il sindacato contesta il ricorso a personale somministrato in sostituzione di 23 lavoratori licenziati in dicembre

Sciopero con presidio alla Caprari di Modena, il prossimo sabato 7 marzo. La Fiom/Cgil è sul piede di guerra per il ricorso dell'azienda modenese al lavoro somministrato in sostituzione di lavoro stabile, che il sindacato etichetta come una violazione delle regole. Lo sciopero sarà accompagnato da un presidio davanti allo stabilimento in via Emilia Ovest a partire dalle ore 5 del mattino, in concomitanza con l’inizio del turno alle ore 6, e sino alle ore 10. 

Lo sciopero è stato proclamato dopo che nelle assemblee di ieri di operai e impiegati è stato giudicato inaccettabile il ricorso alla mobilità volontaria in dicembre, motivata con il calo degli ordinativi del mercato estero, e il contemporaneo ricorso a distanza di un mese e mezzo all’utilizzo di 36 lavoratori somministrati che in parte stanno svolgendo lo stesso lavoro dei 23 lavoratori licenziati a dicembre. 

"In base alle regole vigenti (legge 223/91) l’azienda per far fronte alle nuove esigenze produttive, nei 6 mesi successivi alla mobilità sarebbe stata tenuta, prima di qualunque assunzione, a richiamare i lavoratori licenziati a dicembre, invece ha utilizzato lavoro somministrato - spiega il sindacato delle tute blu in una nota - Inoltre, dieci giorni fa l’azienda ha anche chiesto alla Rsu di effettuare lavoro straordinario il sabato mattina. La Rsu non si è opposta alla richiesta dell’azienda, ed era disponibile ai sabati lavorativi volontari, chiedendo però la stabilizzazione di una parte importante dei 36 somministrati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Fiom/Cgil insieme alla Rsu ha perciò deciso di convocare le assemblee di tutti i lavoratori che sono stati d’accordo nel" respingere l’atteggiamento autoritario di Caprari". "L’azienda si è dimostrata indisponibile e ha dichiarato la volontà di procedere con l’utilizzo di 36 ore di straordinario comandato (obbligatorio) da effettuarsi nei prossimi sabati", conclude il sindacato, che sta valutando anche con i propri uffici legali la legittimità dell’azione aziendale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Si presenta al Pronto Soccorso dopo una lite, ma porta con sè la cocaina. Arrestato

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento