Due giorni di sciopero generale, il settore logistico manifesta davanti alla sede di Legacoop

Difficoltà in arrivo per i settori della logsitica, del trasporto merci e delle spedizione, i cui addetti scioperano il 30 e 31 ottobre. I sindacati confederati chiedono il rinnovo del contratto nazionale

Ci sarà anche una folta delegazione di lavoratori modenesi al presidio di lunedì prossimo 30 ottobre a Bologna davanti alle sedi di Legacoop e Confcooperative in viale Aldo Moro, 16 per chiedere il rinnovo del CCNL logistica, trasporti merci e spedizione, scaduto ormai da 22 mesi. Il presidio è previsto a partire dalle ore 10. Una delegazione sindacale sarà ricevuta dalle associazioni datoriali intorno alle ore 10.30/11. 
Il presidio è in occasione delle due giornate di sciopero nazionale il 30 e 31 ottobre (dalle 00,00 del 30 alle ore 24,00 del 31) indetto dalle Segreterie nazionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uil Trasporti per garantire l’unicità del CCNL di settore, e sostenerne un rapido e necessario rinnovo; per l’affermazione di regole certe che diano tutele e diritti ai lavoratori e garantiscano continuità e legalità alle attività degli appalti; per la valorizzazione del lavoro e la continuità occupazionale; per un adeguato incremento salariale a fronte di un’importante crescita economica e produttiva del settore. 

Filt, Fit e Uil Trasporti si oppongono al tentativo delle controparti datoriali di "peggiorare le tutele e i diritti dei lavoratori e di abbassare il valore delle attuali indennità, a partire di quella di trasferta per la quale le associazioni dell’autotrasporto hanno richiesto un sostanziale dimezzamento". 

"Non è ammissibile precarizzare e rendere variabili istituti contrattuali ora certi come la quattordicesima mensilità, scatti di anzianità, ROL (riduzione orario di lavoro), ex-festività nonché di 2 giorni di ferie, e non è neppure accettabile un rinnovo contrattuale senza incremento salariale per i lavoratori", spiefano i sindacati.

A livello nazionale, lo sciopero interessa sia i camionisti/autisti/spedizionieri dei grandi courier che i dipendenti delle cooperative di logistica e facchinaggio, a Modena sono all’incirca 10.000 gli addetti, impiegati presso aziende quali Dhl, Dsv, Sda Express, Tnt, Arcese, Fercam, Bartolini e cooperative come Cfp, Progetto Lavoro e Mr. Job. 

“Siamo venuti a conoscenza che diverse aziende del territorio modenese – affermano Adriano Montorsi Filt/Cgil, Salvatore Corbisiero Fit/Cisl e Raffaele Perfetto Uiltrasporti - stanno facendo pressioni sui lavoratori perché non partecipino allo sciopero. Invitiamo i lavoratori a non lasciarsi intimorire e abbiamo prontamente inviato lettere di diffida che stigmatizzano tali iniziative fuorvianti e lesive del diritto di sciopero”. “Il contratto nazionale – proseguono i sindacalisti – deve essere difeso da tutte le parti contraenti quale strumento di regolazione del settore e capace di conciliare la salvaguardia dei diritti e del salario con la produttività aziendale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro alle porte di Pavullo, muore in auto un ragazzo di 19 anni

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Pesanti tagli per Unicredit, "A rischio una ventina di filiali tra Modena e Reggio"

  • Manovre scorrette alla guida, parte la campagna di controlli della Municipale

  • Lite e coltellata a scuola fra due studenti. Intervengono i carabinieri

  • Si ribalta un camion che trasporta bombole, chiuse l'Autosole e la complanare

Torna su
ModenaToday è in caricamento