Sciopero nei negozi Mercatone Uno, l'azienda chiede responsabilità

Presidi dei lavoratori nei negozi e al Tavolo di trattative al Ministero

Sciopero nazionale dei lavoratori del gruppo Mercatone per l'intera giornata dell'1 aprile. e , a sentire i sindacati, c'è davvero poco da scherzare. La mobilitazione interessa oltre 3.500 addetti distribuiti in 79 punti vendita. Lo sciopero, proclamato da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil, e' stato deciso per "protestare contro il disimpegno della proprietà e l'approssimazione del management". 

Il 'fermo' coincide con la riunione del tavolo di crisi, previsto in mattinata, al ministero dello Sviluppo economico, che sarà 'presidiato' all'esterno da lavoratori e sindacati provenienti da tutta Italia. Lamentano i segretari nazionale delle tre categorie confederali in una nota congiunta: "Senza alcun confronto con le organizzazioni sindacali, senza rendere noti i criteri adottati per effettuare le scelte conseguenti, la direzione aziendale ha avviato 'vendite promozionali' che, più realisticamente, appaiono come 'esaurimento merce'. Non e' dato sapere quali siano le sorti di questi negozi una volta terminata l'operazione, sebbene- concludono i sindacati- sia tristemente immaginabile".

Anche in Emilia-Romagna cresce l'agitazione nella stessa giornata del primo aprile. Ad esempio a Parma, dove si contano due punti vendita della catena per un totale di 60 lavoratori coinvolti, si svolgerà un presidio davanti alla Prefettura dalle 10 alle 12 e le rappresentanze sindacali chiederanno di incontrare il prefetto.

LA REPLICA DELL'AZIENDA. “Non possono essere messi in discussione gli sforzi e l’impegno dell'Azienda per salvaguardare l'occupazione e il sostegno al reddito del personale, di cui si è anche dato atto, nel tempo, sia di fronte agli Enti territoriali interessati, sia ai Ministeri del Lavoro e dello Sviluppo Economico.” Con queste parole il management di Mercatone Uno risponde alla nota sindacale con la quale viene proclamata per il 1° aprile una giornata di sciopero nazionale. L'Azienda, pur rispettando la decisione di indire lo sciopero, rileva, in ogni caso, come le ragioni indicate nel comunicato e poste alla base dell'iniziativa stessa "non corrispondano alla realtà dei fatti, al punto da apparire strumentali".

(fonte DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento