Spariscono i macchinari, dipendenti Ancora temono nuovo caso Firem

Due ore di sciopero in mattinata, poi al rientro in ditta la sorpresa: badges disabilitati e macchinari spariti. Protesta della Cgil che chiede chiarezza ai vertici di Siti B&T

Nuovo sciopero di 2 ore stamattina dalle ore 8 alle 10 all’Ancora di Sassuolo, azienda di macchine per ceramica con circa 100 addetti, dove da alcuni giorni Fiom/Cgil e lavoratori sono impegnati in una vertenza contro gli esuberi imposti.  Allo sciopero di stamattina l’adesione è stata del 100% fra gli addetti alla produzione, così come già durante la mobilitazione dello scorso 25 febbraio. 

Al termine del presidio con assemblea, i lavoratori sono rientrati in azienda e stranamente hanno constato che i macchinari, che dovevano essere spediti per l’estero, non c’erano più. Ciò significa che sono stati spostati durante la notte. Ma durante la notte non c’è nessuno in servizio, e dunque chi ha spostato i macchinari nottetempo? 

“Siamo molto stupiti di quanto accaduto, non vorremmo trovarci di fronte ad un nuovo caso Firem – dice Massimiliano Grazioso della Fiom/Cgil di Modena – lo spostamento dei macchinari non è giustificato in alcun modo, visto che, per senso di responsabilità, avevamo fissato in sole 2 ore lo sciopero di stamattina proprio per permettere la regolare consegna della commessa”. Segnale inquietante anche il fatto che nelle prime ore della mattinata, tutti i lavoratori avevano i badge di ingresso al cancelletto e allo stabilimento, completamente disabilitati. 

“Chiediamo all’amministratore delegato di Siti B&T Fabio Tarozzi, che ha recentemente acquisito Ancora, se intende instaurare relazioni sindacali in stile Firem dove, per aggirare gli effetti della trattativa sindacale, si sono spostati macchinari e materiali durante la notte - aggiunge Cesare Pizzolla segretario Fiom/Cgil Modena – oppure confermare i rapporti sindacali come nella migliore tradizione di Siti B&T, basati sul reciproco rispetto dei ruoli”. 
“I fatti di oggi non agevolano la trattativa, già di per sé difficile – aggiunge Pizzolla - e perciò diventa indispensabile che al tavolo di trattativa ci sia anche il socio di maggioranza di Ancora, e in quella sede dia risposta alle richieste di lavoratori e sindacato”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo l’ultimo rinvio, la Provincia di Modena ha infatti convocato per un nuovo incontro sindacati, azienda e Confindustria martedì 3 marzo alle ore 17. Inutile dire che l'improvviso svuotamento del capannone ha fatto tornare alla memoria il caso della Firem di Formigine, smantellata e trasferita in Polonia in una notte. A Sassuolo si augurano che non sia così.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 71 nuovi positivi, di cui 48 asintomatici. A Modena focolaio in un prosciuttificio

  • Covid. Altri 18 contagiati nel focolaio del salumificio di Castelnuovo

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento