Ricostruzione: sindacati, imprese e lavoratori per il fondo di solidarietà

Attivato un fondo nazionale di solidarietà per le popolazioni terremotate del modenese, con la sottoscrizione lanciata da Cgil, Cisl e Uil e le Associazioni d'Impresa fra i lavoratori privati e fra i lavoratori pubblici

Una trattenuta volontaria in busta paga, pari a due ore di lavoro, e un versamento di uguale entità erogato dall’impresa: questa la proposta avanzata da Cgil, Cisl e Uil e Associazioni d’Impresa per contribuire volontariamente al fondo di solidarietà disposto in favore delle popolazioni terremotate della Bassa modenese e di Carpi. In questo modo raddoppia l’entità del versamento di solidarietà, che ammonterebbe a 1 ora di lavoro in base al contratto nazionale, che sarà mantenuto invariato soltanto dai lavoratori del commercio e delle imprese artigiane. La sottoscrizione vale anche per i lavoratori pubblici, in particolare quelli della Sanità, che potranno liberamente decidere di aderire all’iniziativa.

Un discorso diverso vale per i lavoratori di banche e riscossione tributi: l’accordo tra tutti i sindacati di settore Abi e Equitalia/Serit prevede infatti la sottoscrizione di 10 euro netti da parte del lavoratore, con un uguale contributo da parte dell’azienda. Per gli assicurativi, sempre l’accordo tra tutti i sindacati di settore e Ania, prevede la sottoscrizione di un’ora di lavoro, con un uguale contributo da parte dell’azienda; lo stesso vale per i dipendenti delle banche di credito cooperativo. I moduli-delega si scaricano dai siti internet o sono reperibili presso le sedi sindacali.

Per i dipendenti delle funzioni centrali come ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici (Inps, Inpdap, ecc…) – la sottoscrizione volontaria avviene attraverso l’acquisto di specifici tagliandi, con importi indicativi pari a  2 ore di lavoro ma anche a offerta libera.  Anche per i dipendenti della scuola, l’accordo nazionale tra Cgil Cisl Uil Snals, Gilda e il Ministero Economia e Finanze prevede la sottoscrizione volontaria di 1 ora di lavoro. I pensionati potranno invece contribuire al fondo con versamenti liberi.

Due le destinazioni delle risorse raccolte: quelle che provengono dal settore privato saranno impiegate per sostenere le popolazioni ed il sistema produttivo con certezza di destinazione e rapidità di erogazione; mentre i fondi provenienti dai dipendenti della pubblica amministrazione serviranno ad aiutare le amministrazioni comunali delle aree terremotate per progetti di welfare rivolti principalmente all’infanzia e agli anziani. Nei prossimi mesi saranno pubblicamente diffusi gli impieghi di tutte le risorse raccolte.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Evasione fiscale, frodi e truffe sui fondi pubblici. I numeri della Guardia di Finanza di Modena

    • Cronaca

      Scooter tampona un'auto, ferito il motociclista. Chiusa via Divisione Acqui

    • Cronaca

      Gravi danni alla tela del Guercino rubata. Svelati i dettagli del ritrovamento

    • Politica

      Tutela dei boschi, quasi un milione per le aree critiche della provincia

    I più letti della settimana

    • Alla Fimar Carni non c'è più lavoro, l'azienda pronta alla cessazione

    • Al Grandemilia inaugura un negozio "sociale" per le realtà modenesi

    • Madonnina, le Fonderie cooperative chiuderanno i battenti entro il 2022

    • La coop Caleidos cresce, una nuova sede e un libro sui profughi

    • "Eccellenze in Digitale", Google arriva a Modena al fianco delle imprese

    • Imprese, terzo anno con il segno più per le PMI modenesi

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento