Vertenza Castelfrigo: "Disponibili a portare nostro contributo per soluzione condivisa"

Anche il Coordinamento modenese dell’Alleanza delle Cooperative Italiane interviene in merito alla vicenda delle due cooperative in appalto presso la Castelfrigo e, più in generale, sul problema delle cooperative spurie

La vicenda di Castelnuovo che coinvolge i lavoratori delle due cooperative in appalto a Castelfrigo è la manifestazione più evidente di un fenomeno deteriore che da tempo le Centrali cooperative modenesi denunciano. Spiegano: "Lo abbiamo fatto promuovendo la ricerca della Fondazione del Monte (“Una questione di Legalità”), in corso di aggiornamento, e raccogliendo a Modena e provincia oltre duemila firme a sostegno della legge di iniziativa popolare contro le false cooperative di cui ancora attendiamo l’approvazione. Si tratta di un circolo vizioso in cui tutti perdono: le cooperative che operano nel rispetto delle regole e sono progressivamente marginalizzate dal mercato, i lavoratori che perdono diritti e dignità, le imprese committenti che perdono reputazione e competitività.

"Per inseguire presunti risparmi di costo nella terziarizzazione - raccontano dall'Alleanza delle Cooperative - si finisce a pagare costi sociali ed economici molto più alti. Ma non è un destino obbligato. Anche in questo settore e sul nostro territorio, sono molti i casi in cui è attivo il circolo virtuoso che lega lavoro dignitoso, cooperazione vera e buona imprenditoria, nel rispetto di leggi, diritti e con buona performance economica. Per attivarlo è necessaria la disponibilità a convergere su una soluzione condivisa fra tutte le Parti."

Infatti spiega Andrea Benini: "Le Centrali cooperative non sono state inattive come qualcuno ha affermato recentemente: In questa direzione vanno le proposte presentante dall’Alleanza delle cooperative al tavolo Provinciale di settore. La Cooperazione modenese ha inoltre promosso un tavolo sindacale per sottoscrivere un accordo quadro finalizzato alla regolarizzazione del lavoro nel settore. Con lo stesso approccio andremo, qualora invitati, al Tavolo di crisi Regionale annunciato nei giorni scorsi, anche se non rappresentiamo in alcun modo le coop coinvolte, convinti che solo la collaborazione tra tutti gli attori e una coordinata azione di controllo e repressione possono contrastare questo fenomeno degenerativo."

Per poi concludere: "Nel frattempo, nell’ambito della nostra azione a sostegno delle vittime della falsa cooperazione, mettiamo a disposizione di imprese e sindacati le buone prassi operative che già hanno consentito di risolvere altre vicende, in cui le parti hanno dimostrato volontà comune di operare nel rispetto della legalità."

Potrebbe interessarti

  • Le migliori osterie di Modena. Dove gustare la cucina tradizionale

  • Come pulire il box doccia in modo efficace

  • Le migliori piadinerie di Modena

  • Antigravity Pilates: come allenarsi e dove farlo a Modena

I più letti della settimana

  • Grandine e vento si abbattono su Modena, trenta feriti e molti danni

  • Disastro meteo su Modena, parte la conta dei danni. Trenta feriti lievi

  • Cade dal furgone in via Giardini, muore un operaio trentenne

  • Grandine in pianura, vigneti e campi di grano devastati

  • Furti con la tecnica dell'abbraccio, caccia ad una ladra a Carpi e dintorni

  • Viaggia con un'intera camera da letto sul tetto dell’auto, patente ritirata

Torna su
ModenaToday è in caricamento