"BoicottaCoop", volantinaggio SI Cobas a sostegno dei lavoratori Panificio Toscano

Il sindacato locale protesta per le condizioni di lavoro dei colleghi della cooperativa che produce pane per il marchio Panificio Toscano, distribuito dal Coop

Nella giornata di ieri, 11 agosto, alcuni attivisti del sindacato autonomo Si Cobas hanno protestato davanti al centro commerciale Grandemilia, distribuendo ai clienti volantini con uno slogan molto forte: "Il pane che trovi sugli scaffali della Coop puzza di sfruttamento". L'iniziativa è stata intesa come sostegno ai lavoratori della cooperativa Giano di Prato, che si occupa di produrre il pane del marchio Panificio Toscano, che viene venduto appunto attraverso i canali della grande distribuzione organizzata targata Coop.

Nei giorni scorsi i SI Cobas toscani avevano scioperato e protestato per le condizioni di lavoro, come recita il volantino distribuito nel parcheggio del centro commerciale: "Paghe da fame, mancato rispetto dei contratti nazionali di categoria, utilizzo di finte cooperative per truffare ripetutamente i lavoratori, vendette e licenziamenti contro chi rivendica i propri diritti: questa è la realtà che si vive nel Panificio Toscano. Dove è andato a finire il "codice etico" tanto sbandierato dalla Coop?".

"L'agitazione - spiega SI COBAS - prosegue fino al reintegro dei due lavoratori licenziati per la propria attività sindacale e il riconoscimento dei diritti e delle retribuzioni previste dal contratto nazionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

Torna su
ModenaToday è in caricamento