"Ambienti di viaggio", gli oggetti da collezione giapponesi in Europa

In occasione della mostra Meravigliose avventure. Racconti di viaggiatori del passato e del programma Ambiente. Tra storia, natura e cultura, le Gallerie Estensi e la Fondazione Collegio San Carlo organizzano un ciclo di conferenze dal titolo Ambienti di viaggio: tra Oriente e Occidente. La seconda conferenza in programma, dal titolo Oggetti da collezione. L’arte giapponese nelle raccolte europee tra Ottocento e Novecento, si tiene venerdì 30 novembre alle ore 17.30 alla Fondazione Collegio San Carlo (via San Carlo 5, Modena), a cura di Rossella Menegazzo, docente di Archeologia, storia dell’arte e filosofie dell’Asia orientale presso l’Università di Milano.

La seconda metà dell’Ottocento è l’epoca in cui si formano quelle che oggi sono le più importanti collezioni d’arte orientale, italiane ed europee. Collezioni in taluni casi sporadiche e casuali, messe insieme dalla curiosità per il diverso e l’esotico o dall’accumulazione di doni ufficiali ricevuti in veste diplomatica, ma senza un criterio coerente di selezione degli oggetti da parte del viaggiatore-collezionista; in altri casi, invece, dalle quali traspare la consapevolezza e la volontà precisa di rappresentare in modo significativo la cultura e l’arte dell’Asia Orientale. Del primo tipo è la collezione Pansa, conservata, separatamente dagli album fotografici, presso i Musei civici di Reggio Emilia. Del secondo tipo sono la vastissima collezione del principe Enrico di Borbone (1851-1906), raccolta tra il 1887 e il 1889 durante il suo viaggio intorno al mondo, che egli documenta, come fece la contessa Pansa, in un ricchissimo diario, e che ha dato vita al nucleo del Museo d’arte Orientale di Venezia.

Anche la collezione del Museo d’arte Orientale Edoardo Chiossone di Genova è del secondo tipo e della stessa epoca. Bronzi, dipinti, silografie policrome, lacche, ceramiche, tessuti e sculture furono messi insieme dallo stesso Chiossone (1833-1898) tra il 1875 e il 1898 durante la sua lunga permanenza in Giappone, dove assunse il ruolo di responsabile del settore incisioni dell’Officina Carte e Valori del Ministero della Finanza su invito del governo Meiji. Così come fu invitato dal governo nipponico a insegnare scultura presso il nuovo Istituto d’arte di Tokyo Vincenzo Ragusa (1841-1927), a cui si deve la collezione giapponese di oltre 4000 oggetti che egli raccolse tra il 1876 e il 1882, oggi conservata presso il Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini di Roma assieme ad altre raccolte coeve provenienti dalla Cina, dal Tibet, dall’India, dalla Birmania, dall’Oceania.

Il diario del conte Enrico Hillyer Giglioli aggiunge un altro tassello a queste collezioni dall’Estremo Oriente fornendo informazioni non solo sul viaggio, ma anche sulle fotografie che egli collezionò in Giappone, conservate nello stesso museo romano. A Firenze, in una splendida palazzina, Frederick Stibbert (1838-1906) creò il proprio museo che ospita migliaia di ceramiche, porcellane, costumi e armature dal Medio ed Estremo Oriente e pure testimonianze di arte europea e americana, frutto di una instancabile curiosità. Poté farlo con un enorme dispendio di denari. Propri.

Sono questi gli esempi delle più ricche collezioni orientali del panorama italiano – spiega Rossella Menegazza - ma se ne potrebbero citare molte altre più contenute o più specifiche sparse in tante istituzioni pubbliche e raccolte private. Mentre altrettante saranno certamente ancora da scoprire. Ciò che vale la pena di sottolineare è comunque come il significato dell’album fotografico fosse parte, all’epoca, di un fenomeno sociale più ampio legato all’orientalismo, diffuso in tutta Europa nella seconda metà dell’Ottocento e che portò al collezionismo in tutti i settori della produzione artigianale e artistica, oltre che a una rivoluzione nelle tecniche e nelle modalità pittoriche degli artisti occidentali. Si pensi al collezionismo delle silografie del Mondo Fluttuante che contagiò Parigi e in particolare gli artisti impressionisti e post-impressionisti.

Prossima conferenza del ciclo Ambienti di viaggio:
Diego Saglia, Professore di Letteratura inglese – Università di Parma
L’Oriente romantico. Immagini dell’Asia nella letteratura inglese moderna
Martedì 11 dicembre 2018, ore 17.30

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Psicologia tibetana, meditazione, intelligenza emozionale: Conferenze e Workshop Gratuito

    • Gratis
    • dal 16 ottobre 2019 al 22 gennaio 2020
    • CEA
  • Ne Vale La Pena, giunge al termine la rassegna di incontri con gli autori

    • Gratis
    • dal 1 al 17 dicembre 2019
    • Auditorium della Biblioteca Loria
  • "After Miss Julie", incontro con gli attori Guanciale e Pession al Teatro Comunale di Carpi

    • Gratis
    • 14 dicembre 2019
    • Teatro Comunale di Carpi

I più visti

  • McCurry, 70 immagini scattate in ogni angolo del mondo dedicate alla passione per la lettura

    • dal 13 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Palazzo dei Musei, Sala Mostre e Gallerie Estensi
  • Parva Naturalia, in Piazza Grande il tradizionale mercatino d’un tempo con le strenne di Natale

    • Gratis
    • dal 7 al 23 dicembre 2019
    • Piazza Grande Modena
  • Psicologia tibetana, meditazione, intelligenza emozionale: Conferenze e Workshop Gratuito

    • Gratis
    • dal 16 ottobre 2019 al 22 gennaio 2020
    • CEA
  • Il Capodanno 2020 in Piazza Roma diventa “La Notte della Taranta"

    • Gratis
    • 31 dicembre 2019
    • Piazza Roma
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento