A Mirandola L’Avvoltoio. Tratto da eventi accaduti in Sardegna

Scritto da Anna Rita Signore da un’indagine sui veleni del Poligono di Quirra da lei stessa condotta, è in cartellone martedì prossimo 5 marzo alle ore 21.00 nell’ambito della Stagione 2018/2019 curata da ATER - Associazione Teatrale Emilia Romagna, Circuito Regionale Multidisciplinare. Con lo spettacolo di drammaturgia contemporanea L’Avvoltoio di Anna Rita Signore diretto del noto autore attore e regista argentino  Cesar Brie – tratto da una vicenda realmente accaduta in Sardegna - continua martedì prossimo 5 marzo alle ore 21.00 la Stagione 2018/2019 dell’Auditorium Rita Levi Montalcini di Mirandola, curata da ATER Associazione Teatrale Emilia Romagna. Costo del biglietto intero 15 euro, ridotto 12 euro.

Il testo è stato scritto da Anna Rita Signore da un’indagine da lei stessa condotta. Sul palco ci sono Emilia Agnesa, Agnese Fois, Daniel Dwerryhouse, Valentino Mannias, Marta Proietti Orzella, Luca Spanu, Luigi Tontoranelli. Le scene sono di Sabrina Cuccu, i costumi di Adriana Geraldo, le luci di Loïc François Hamelin, la musica di Luca Spanu. La produzione è di Sardegna Teatro. Un ringraziamento particolare al Procuratore Domenico Fiordalisi e al suo lavoro ostinato, difficile, scomodo. Senza la sua inchiesta sui veleni del Poligono, L’Avvoltoio non sarebbe nato. Premio alla drammaturgia conferito a L'Avvoltoio dalla SIAD-Società Italiana Autori Drammatici: «Premio speciale Claudia Poggiani, all’interno del Premio Calcante 2014».

Lo spettacolo

L’Avvoltoio si basa su una storia vera. Epicentro: Quirra, un piccolissimo villaggio della Sardegna sud-orientale, all’interno di un vastissimo territorio poco antropizzato e destinato al pascolo brado che ospita, dalla metà degli anni ’50, il più grande Poligono sperimentale d’Europa. Eserciti di tutto il mondo e aziende private vengono qui per testare nuovi sistemi d’arma, addestrare truppe, simulare guerre. Ma cosa si sperimenta in questo Poligono e cosa si è sperimentato in passato, non è dato saperlo. Troppi interessi sul tavolo, troppi segreti e omissioni. Troppe risposte, vaghe e contraddittorie. Una sola amara certezza: la sindrome di Quirra – sorella minore delle sindromi del Golfo, dei Balcani, di Mogadiscio – che colpisce civili e soldati, e alimenta il sospetto che all'interno della base, si siano usate munizioni all'uranio impoverito, con le esplosioni si siano prodotte nano-particelle di metalli pesanti e radioattivi, si siano smaltiti e stoccati rifiuti pericolosi, armi chimiche e batteriologiche. È una storia di cui poco si sa: coperta da segreti militari e industriali, è scrupolosamente protetta dal silenzio di Stato. E dal silenzio – ben più drammatico perché dettato dalla disperazione –  di quella parte della popolazione, socialmente più fragile, che non parla per paura. Ancora una volta, il ricatto si tinge di dramma sociale: «se accetto e sto zitto rischio di morire, ma ho un lavoro; se non accetto, muoio di fame».

Ci troviamo nella sala prove di un teatro. Un gruppo di attori è alle prese con l’allestimento di uno spettacolo teatrale per denunciare quello che, da anni, sta accadendo all’interno e a ridosso del Poligono. Le vicende personali degli attori si intrecciano pian piano con quelle dei loro personaggi. Ricorrendo all’espediente del «teatro nel teatro», L’Avvoltoio si serve degli attori e dei personaggi per dare fiato al dolore di padri e madri, figli e figlie, fratelli e sorelle, soldati: testimoni e vittime tutti della stessa tragedia. La loro storia tocca da vicino Quirra e l’intera Sardegna, con il suo territorio occupato per il 60% da servitù militari; ma coinvolge tutta l’Italia, con i suoi Poligoni nel Triveneto, in Puglia, nel Lazio, in Toscana, su cui gravano forti sospetti di contaminazione. Per questo attori e personaggi non fanno mai nomi, né di luoghi, né di persone. L’Avvoltoio racconta la loro storia così com’è, cruda e ruvida. Vuole scuotere lo spettatore; farlo riflettere, arrabbiare; spingerlo a fare domande, e chiedere le risposte a chi quelle risposte deve darle. C’è una strage in corso. Silenziosa.  Oggi è in corso il processo che vede, per la prima volta in Italia, dietro il banco degli imputati, otto alti ufficiali militari. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "A la Dmanga dap mezdé", rassegna di spettacoli dialettali a Castelnuovo

    • dal 12 gennaio al 2 febbraio 2020
    • Circolo Arci Ex-Stazione
  • Memoria. A Medolla un recital sul beato Odoardo Focherini

    • solo oggi
    • Gratis
    • 27 gennaio 2020
    • Teatro Facchini

I più visti

  • "Keine Papiere. Senza le carte di identità", in mostra la street art che diventa impegno sociale

    • Gratis
    • dal 13 settembre 2019 al 15 febbraio 2020
    • Biblioteca Poletti
  • Un nome, un destino: inaugura a Palazzo dei Musei la mostra "Nomen Omen"

    • Gratis
    • dal 13 settembre 2019 al 15 febbraio 2020
    • Palazzo dei Musei
  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "Piccoli Tesori di Latta", inaugura nella Chiesa di San Carlo la mostra di giochi d'epoca

    • Gratis
    • dal 7 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Chiesa di San Carlo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento