Maxx Padovani è un "deret" alla Bottega d'arte

Siamo nel profondo medio evo Francese, nella lingua popolare di Lione e d intorni si appellava cosi (DERET) chi aveva una visione della vita differente dal pensiero imperante, vuoi clericale che temporale. Niente a che fare con streghe o stregoni... Parlo di persone operanti nel campo culturale ed artistico, che imprimevano sulla tela o sulla pergamena il loro io più profondo.

MAXX PADOVANI è un DERET, un "di dietro", un " culo", diremmo adesso. Uno che prova a mostrarci uno dei tantissimi lati B dell'essere umano, materia oscura che non vogliamo vedere, ma che in realtà sovrasta la materia visibile, condizionandola. Noi, convinti di essere "probi viri" seppelliamo molto del nostro vissuto nel profondo di questo nostro benedetto inconscio.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Festivalfilosofia in mostra: dal Giappone arriva al-jabr, l'algebra di Kurokawa

    • dal 14 settembre 2018 al 24 febbraio 2019
    • Palazzo Santa Margherita
  • "Il viaggiatore mentale" di Jon Rafman in mostra per il festivalfilosofia

    • dal 14 settembre 2018 al 24 febbraio 2019
    • Palazzina dei Giardini
  • Vero o falso? La risposta è nelle figurine in mostra a Palazzo Santa Margherita

    • dal 14 settembre 2018 al 24 febbraio 2019
    • Palazzo Santa Margherita

I più visti

  • Festivalfilosofia in mostra: dal Giappone arriva al-jabr, l'algebra di Kurokawa

    • dal 14 settembre 2018 al 24 febbraio 2019
    • Palazzo Santa Margherita
  • "Le bancarelle" il mercatino delle pulci ogni prima domenica del mese

    • Gratis
    • dal 4 novembre 2018 al 5 maggio 2019
    • Polivalente Sanfa Village
  • "Il viaggiatore mentale" di Jon Rafman in mostra per il festivalfilosofia

    • dal 14 settembre 2018 al 24 febbraio 2019
    • Palazzina dei Giardini
  • Trasparenze Stagione, sette appuntamenti tra musica, teatro, circo contemporaneo, danza e progetti socio-culturali

    • dal 16 ottobre 2018 al 5 aprile 2019
    • Teatro dei segni
Torna su
ModenaToday è in caricamento