"Canto per l'Europa": a Modena Paolo Rumiz insieme all'European Spirit of Youth Orchestra

Nel momento in cui attorno a noi tornano reticolati e si parla di chiusura di porti, l'orchestra diretta dal maestro Igor Coretti Kuret offre il miracolo di un'Europa "sinfonica", dove ragazzi giunti da Paesi talvolta antagonisti fra loro, vivono, grazie all'ascolto, la loro diversità non come problema ma come inestimabile ricchezza.

L'European Spirit of Youth Orchestra, ESYO, arriva al BPER Forum Monzani di Modena venerdì 21 dicembre alle 21.15 con "Canto per l'Europa": settanta giovani musicisti under 18 provenienti da Croazia, Albania, Ungheria, Cina, Polonia, Estonia, Slovenia, Serbia, Romania, Ucraina e altri 10 stati del mondo. Una voce narrante, quella del giornalista e scrittore Paolo Rumiz, che racconta i grandi temi dell'Europa di oggi e di ieri. Questa è la formula della ESYO, European Spirit of Youth Orchestra: un progetto unico nel panorama delle orchestre sinfoniche giovanili internazionali, che si rinnova ogni anno coinvolgendo talenti sempre nuovi, selezionati nelle più prestigiose scuole di musica europee.

ESYO è una scuola di convivenza per giovani studenti di culture diverse creata dal maestro Igor Coretti Kuret, direttore d’orchestra di origini slovene che da trent'anni offre a nuove generazioni di musicisti l'occasione di vivere un'esperienza sinfonica e al tempo stesso di confrontarsi con i valori della cooperazione e dell’impegno civile.
Dal 2015 la voce di Paolo Rumiz, scrittore e giornalista di fama internazionale, è diventata parte integrante dell’orchestra. Le sue composizioni narrative, modulate sulle sinfonie, si sviluppano attorno a un tema diverso ogni anno.

"Lavoro da cinque anni come voce narrante di questa orchestra giovanile europea che assembla ragazzi e ragazze spesso figli dei Paesi più euroscettici del continente, e ogni anno assisto alla stessa, stupefacente metamorfosi. Li vedo arrivare fieri ambasciatori della loro nazione e li vedo ripartire a fine tournée come festosi ambasciatori dell'idea europea - spiega Paolo Rumiz - Non hanno rinunciato ad un briciolo della loro identità nazionale. Si sono semplicemente limitati ad abbassare il livello del loro ego per suonare assieme. Questo vuol dire "sinfonia". Hanno imparato ad ascoltarsi. A vivere la loro diversità come una risorsa. Sono diventati uomini nel giro di un mese".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • “Vita dei grandi nella musica”: quattro appuntamenti per conoscere la musica classica

    • dal 27 gennaio al 6 aprile 2020
    • Centro 'Via Vittorio Veneto’

I più visti

  • "Keine Papiere. Senza le carte di identità", in mostra la street art che diventa impegno sociale

    • Gratis
    • dal 13 settembre 2019 al 15 febbraio 2020
    • Biblioteca Poletti
  • Un nome, un destino: inaugura a Palazzo dei Musei la mostra "Nomen Omen"

    • Gratis
    • dal 13 settembre 2019 al 15 febbraio 2020
    • Palazzo dei Musei
  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "Piccoli Tesori di Latta", inaugura nella Chiesa di San Carlo la mostra di giochi d'epoca

    • Gratis
    • dal 7 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Chiesa di San Carlo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento