Carlo Spiga al Modena Ovest Pavillion

L’artista Carlo Spiga presenta gli esiti della sua residenza in una conversazione con la ricercatrice e curatrice bolognese Fabiola Naldi nella sede di Modena Ovest Pavillion.

Prosegue la programmazione artistica di Modena Ovest Pavillion, appartamento rigenerato nel cuore del Villaggio Artigiano di Modena Ovest grazie all’intervento delle associazioni CivicWise Italia, Amigdala, Premio IMAGONIRMIA di Associazione Imagonirmia di Elena Mantoni.

Il progetto nasce nell’ambito del bando nazionale Creative Living Lab promosso dal Ministero dei beni culturali e che promuove la rigenerazione urbana e i progetti di riuso temporaneo.

La palazzina, inaugurata tra dicembre 2019 e gennaio 2020, ospita ora la residenza artistica di Carlo Spiga, artista i cui lavori puntano a «lasciare una traccia sensibile a disposizione della comunità che incontro».

Il segno visivo e materiale che Carlo Spiga ha realizzato a Modena è una collezione di candele realizzate manualmente con alcuni studenti dell’Istituto d’Arte A. Venturi di Modena e con il maestro d’arte Stefano Lodi, nel suo laboratorio ceramico artigiano ArtLab64.

Nell’arco di tre giorni, i ragazzi si sono ispirati alla particolare architettura delle case-officina e degli edifici del Villaggio fondato da Corassori nel 1953 e ne hanno tratto delle forme che costituiscono il corpo delle candele di cera realizzate manualmente attraverso tre fasi: la riproduzione del modello in creta, la composizione del calco di gesso e infine la colatura della cera nei relativi stampi.

Il progetto Lucìferi prende proprio il nome dall’idea di farsi «portatori di luce», ovvero di «essere autori di un segno che diventi l’occasione di ri-accendere un fuoco all’interno di un luogo, e suo focolare».

Il processo di lavoro, la ricerca portata avanti nella residenza artistica a Modena e un affondo sulla poetica di Carlo Spiga verranno raccontati nella conversazione con Fabiola Naldi, dottore di Ricerca in Storia dell’Arte Contemporanea, critica e curatrice di Bologna: l’incontro pubblico si svolge il 22 febbraio alle ore 17.00 a MOP (Viale Emilio Po, 164) in occasione dell’apertura degli esiti della residenza.

Gli esiti del progetto Lucìferi rimangono a Modena Ovest Pavillion e sono visitabili nei giorni sabato 22 febbraio, sabato 29 febbraio e sabato 7 marzo sempre dalle ore 15.00 alle ore 19.00.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Corso teorico-pratico: Psicologia dell’autoconoscenza, meditazione, antropologia

    • Gratis
    • dal 2 marzo al 20 luglio 2020
    • Centro Studi dell'Autoconoscenza
  • Mo' better football scende in campo a La Tenda. Primo appuntamento dedicato a George Best

    • Gratis
    • dal 26 giugno al 18 luglio 2020
    • La Tenda
  • Incontri, letture, film e concerti: tutti gli appuntamenti dell'estate carpigiana

    • Gratis
    • dal 1 luglio al 31 agosto 2020
    • palazzo dei pio

I più visti

  • Supercinema Estivo, tutte le proiezioni in programma nel mese di luglio

    • dal 6 al 31 luglio 2020
    • Supercinema Estivo
  • Giardini d'Estate, tutti gli appuntamenti di luglio al Parco Ducale

    • dal 10 al 31 luglio 2020
    • Giardini Ducali
  • A Modena Est cinema all'aperto nel lunedì sera d'estate

    • dal 29 giugno al 3 agosto 2020
    • Piazza IX Gennaio
  • "Serate a Corte", per tutto luglio torna l'appuntamento al Castello di Montegibbio

    • Gratis
    • dal 3 luglio al 8 agosto 2020
    • Castello di Montegibbio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento