Marco Biagi, due giorni di convegno per ricordare il giuslavorista assassinato

Il 20 e 21 marzo sarà ricordato da Unimore e dalla omonima Fondazione il professor Marco Biagi, il giuslavorista assassinato il 19 marzo 2002 dalle Brigate Rosse a Bologna di cui quest’anno ricorre il quindicennale della scomparsa. Come si ripete ogni anno dal 2003, il docente dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia sarà commemorato con un convegno internazionale a Modena di due giorni su “Digital and Smart Work”, che intende promuovere, attraverso i metodi del dialogo tra discipline scientifiche distinte e il confronto tra ordinamenti giuridici, l’avanzamento della riflessione intorno al fenomeno della digitalizzazione del lavoro. 

L’appuntamento sarà preceduto lunedì 20 marzo alle ore 8.30 dalla S. Messa celebrata nella chiesa di San Barnaba (via Carteria 108) a Modena. 

Successivamente i partecipanti si riuniranno a partire dalle ore 9.15, nell’Auditorium della Fondazione Marco Biagi (Largo Marco Biagi 10) per assistere ai lavori di questo meeting, presieduto nella prima parte da Paola Reggiani Gelmini, Vice Presidente della Fondazione Marco Biagi e aperto dagli indirizzi di saluto istituzionali rivolti ai presenti dal Rettore Unimore Angelo O. Andrisano, dal Sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli e dall’Assessore al coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro della Regione Emilia Romagna Patrizio Bianchi.

Alle ore 10.00, introdotto da Yasuo Suwa (Hosei University of Tokio), il convegno ricorderà “Marco Biagi e il diritto del lavoro: 15 anni dopo” con testimonianze affidate ad Andrea Landi (Unimore), Marcello Pedrazzoli (Univ. di Bologna) e Tiziano Treu, Presidente della Società internazionale di diritto del lavoro e della sicurezza sociale. E un pensiero, alle ore 11.00, sotto la presidenza di Janice Bellace (Wharton School, Univ. Pennsylvania), sarà rivolto anche al prof. Roger Blanpain, grande amico di Marco Biagi, deceduto nel 2016, la cui lezione verrà ripercorsa attraverso le parole di Frank Hendrickx (Univ. Leuven) e di Manfred Weiss (Goethe University di Francoforte sul Meno).

La mattinata, coordinata poi dal prof. Luigi E. Golzio di Unimore, proseguirà con una introduzione agli argomenti principali della conferenza, affidati a Edoardo Ales (Univ. di Cassino), Tommaso Fabbri (Unimore) e Giovanni Solinas e Sergio Paba (Unimore). 

Dal pomeriggio il convegno proseguirà attraverso 8 sessioni parallele che occuperanno l’attenzione dei partecipanti fino alla seduta plenaria conclusiva di martedì 21 marzo alle ore 14.00, coordinata da Alan Neal (Univ. di Warwick), quando verranno presentate le risultanze delle discussioni svoltesi nelle sessioni parallele.  
 
Nelle sessioni parallele si discuterà di: Definizione del fenomeno; Diritti e libertà nell’economia digitale; Smart Working, Rapporti di lavoro e gig economy; Rappresentanza collettiva e tutele sindacali dei lavoratori digitali; Le implicazioni della digitalizzazione sul mercato del lavoro; La figura del datore di lavoro nell’economia digitale; Impatti regionali e settoriali della digitalizzazione del lavoro.

Al termine delle sessioni parallele della prima giornata (lunedì 20 marzo ore 18.45) si terrà la presentazione del libro “Lifetime Disadvantage, Discrimination and the Gendered Workforce” della prof.ssa Susan Bisom-Rapp della Thomas Jefferson School of Law di San Diego, scritto insieme al prof. Malcolm Sargeant dell’Università del Middelsex (UK). Sarà presente l’autrice.

L’impostazione del programma evidenzia la volontà della Fondazione Marco Biagi di dare un’impronta internazionale all’iniziativa, soprattutto nella prospettiva di consolidare e ampliare il network di docenti, ricercatori e dottorandi stranieri legati alla Fondazione. 

Il convegno ha ricevuto il contributo di BPER Banca e di UniCredit.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Potrebbe Interessarti

    • Castelli, ville e una crociera sul Panaro: le giornate FAI di Primavera a Modena

      • oggi e domani
      • Gratis
      • dal 25 al 26 marzo 2017
    • Il Castello di Spezzano abbassa il ponte levatoio per cinque aperture straordinarie

      • fino a domani
      • dal 5 al 26 marzo 2017
      • Castello di Spezzano
    • Giorgio Pieri in mostra, al Museo civico incubi e sogni della provincia

      • Gratis
      • dal 3 dicembre 2016 al 25 aprile 2017
      • Palazzo dei Musei

    I più visti

    • Castelli, ville e una crociera sul Panaro: le giornate FAI di Primavera a Modena

      • oggi e domani
      • Gratis
      • dal 25 al 26 marzo 2017
    • Il Castello di Spezzano abbassa il ponte levatoio per cinque aperture straordinarie

      • fino a domani
      • dal 5 al 26 marzo 2017
      • Castello di Spezzano
    • Giorgio Pieri in mostra, al Museo civico incubi e sogni della provincia

      • Gratis
      • dal 3 dicembre 2016 al 25 aprile 2017
      • Palazzo dei Musei
    • Torna a Modena il Cinemamme. In sala ogni mercoledì con i neonati

      • dal 8 al 29 marzo 2017
      • Cinema Raffaello
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento