Torna Buk e porta con sè il primo Film Festival modenese con una giuria d'eccezione

Arriva in Italia il primo festival strettamente dedicato a cinema e letteratura: BUK Film Festival è in cartellone dal 8 al 10 maggio 2020, a Modena. Non certo una città casuale, visto che proprio a Modena è nato e ha festeggiato le sue prime 12 edizioni il Modena BUK Festival, fondato e diretto da Francesco Zarzana, promosso dall’Associazione ProgettArte che nel 2020 compirà vent’anni. Dal 2020, dunque, BUK Film Festival affiancherà la consueta kermesse dedicata alla piccola e media editoria nazionale con un Concorso cinematografico che vedrà in gara una selezione di lungometraggi, tutti tratti da un libro o adattamento di un’opera letteraria. Alla direzione artistica il fondatore Francesco Zarzana ha designato l’autrice, filmmaker e produttrice francese Capucine Lemaire.

Garante della 1^ edizione di BUK Film Festival sarà una prestigiosa Giuria internazionale, capitanata da Eric Garandeau, a lungo vicepresidente del Festival di Cannes e presidente del celebre Centro Francese di Cinematografia, composta dalla stessa Lemaire con l’attrice e cantante Mathilde Mosnier, l'autrice Aisha Cerami, lo sceneggiatore e regista Michele Salimbeni. Già addetto culturale della Presidenza della Repubblica francese, Garandeu guiderà dunque i lavori della Giuria del festival, non senza prendere in considerazione il giudizio del pubblico, che avrà una sua incidenza nelle valutazioni finali. 

Evento di spicco della 1^ edizione di BUK Film Festival, che presenterà le sue proiezioni non solo nel centro storico cittadino ma anche nelle sale di Sassuolo e Castelfranco Emilia, sarà l’omaggio al celebre comico francese Louis de Funès, senza dubbio una delle figure più popolari del cinema francese. Una serata promosso con l’esclusivo parternariato del Museo Louis de Funès di Saint-Raphaël, dove l’opera del grande artista e la sua caleidoscopica personalità sono ricostruite attraverso spezzoni di film, documentari rari, raccolte di Gaumont, fotografie, taccuini di lavoro. Ulteriore leitmotiv della 1^ edizione di BUK Film Festival sarà, in occasione dell’8 marzo Giornata internazionale della donna, il percorso dedicato alle questioni di genere: in prima proiezione assoluta il festival proporrà, accanto ad altre anteprime cinematografiche, il cortometraggio “Conciliare stanca”, protagonista l'attrice Carmen Di Marzo, che tratta con occhio universale il tema della violenza sulle donne. La produzione è scritta e diretta da Francesco Zarzana, alla sceneggiatura ha collaborato l’autrice modenese Natalia Guerrieri.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

contestualmente alla prima edizione di BUK Film Festival torna Modena BUK Festival, quest’anno alla sua 13^ edizione che si svolgerà sabato 7 e domenica 8 marzo negli spazi del Laboratorio Aperto, in centro a Modena. Ancora una volta BUK accenderà i riflettori sull’editoria italiana indipendente, confermando la sua attenzione per il mondo della lettura e il pluralismo editoriale attraverso l’ospitalità di note griffe della piccola e media editoria italiana con le loro novità e anteprime. La promozione della lettura è da sempre un tratto distintivo del Modena BUK Festival, coltivato attraverso l’incontro fra autore, pubblico e casa editrice, sin dalla prima edizione, nel segno dell’amore per il libro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19. Muore a soli 36 anni la delegata sindacale di Villa Margherita

  • E' positiva al virus ma esce in bicicletta, denunciata a Modena una 47enne

  • “Back on Track”, Ferrari prepara la riapertura con uno screening per i dipendenti

  • Buoni spesa, a Modena fino a 500 euro a famiglia. Domande da lunedì

  • Coronavirus, in Emilia-Romagna 608 positivi e 75 decessi in più

  • Covid-19, da Modena lo studio per comprendere come funziona l’infezione 

Torna su
ModenaToday è in caricamento