Curiosità Modenesi | La castagnata e altre tradizioni del giorno dei morti

La castagnata dei morti è solo una delle tradizioni strane che i modenesi facevano nel giorno del 2 Novembre

Se si chiede ai nonni modenesi cosa rappresenta per loro il 2 Novembre risponderanno "E' il giorno dei morti", mentre per noi "E' il ponte". In effetti, un tempo i modenesi, e non solo, sentivano molto di più questa giornata rispetto a noi oggi poiché rappresentava un giorno di memoria dei cari scomparsi. In effetti, se consideriamo l'alto tasso di mortalità dell'epoca e il fatto che le vacanze non esistevano, anche una giornata triste come quella dei morti diventava una ricorrenza per cui creare riti e usi da mantenere nel tempo, e da questo punto di vista i modenesi sono stati molto creativi. 

Infatti, quando qualcuno moriva le stanze venivano lasciate per lungo tempo così come erano, tuttavia il giorno dei morti venivano riaperte e il letto era fatto come se fossero lì, poiché secondo la credenza modenese le anime dei defunti avrebbero fatta tappa nella loro ultima casa per riposarsi. Un'altra tradizione, ancora più diffusa di questa, consisteva nel mangiare il giorno dei morti soli prodotti a base di castagne, da lì deriva il termine "la castagnata dei morti". In particolare, si mangiavano le castagne cotte, la zuppa di castagne e a volte anche i ciacci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

Torna su
ModenaToday è in caricamento