Curiosità Modenesi | I giorni della merla secondo la tradizione modenese

Una tradizione molto antica quella dei "giorni della merla" ben radicata nella cultura modenese

Per chi non lo sapesse, stiamo vivendo in pieno i giorni della Merla, ovvero quei giorni che si collocano a fine Gennaio e che sono considerati i più freddi dell'anno. La tradizione ha origini nel centro-nord Italia e da qui non si è mai mossa, eppure da città a città le storie che si narrano su questo particolare periodo sono singolari, ognuno con la sua merla. 

Nel modenese, per esempio, si racconta che durante questi giorni le rezdore fossero costrette dal freddo a chiudersi in casa e per passare il tempo senza annoiarsi passavano il giorno a prepare chili e chili di polenta. Per condirli, dato che all'epoca la carne del ragù sarebbe costata troppo, si aggiungeva un sughetto di uccelleti in umido. Non sappiamo quali uccelli fossero cucinati, tuttavia i merli ne facevano parte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I volatili erano facilmente catturabili poiché dato il gran freddo risultavano "instupiditi" e per questo reagivano con ritardo all'azione umana. In altri casi invece erano catturati con piccole trappole chiamate "luvatt" costruite in casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento