Curiosità Modenesi | Carlo V corrotto col malvasia dai bolognesi contro Modena

Un episodio non troppo noto del rapporto tra modenesi e bolognesi, con protagonista il Malvasia

Che modenesi e bolognesi storicamente non si sopportassero è abbastanza noto, e quando si tratta questo tema si parla sempre della nota battaglia di Zappolino, eppure vi fu un episodio meno famoso ma più divertente che ci riguardò da vicino. Correva l'anno 1529 e Modena era governata dagli Estensi con il Duca Alfonso che gioì sapendo che papa Clemente VII e l'imperatore Carlo V avessero stabilito una pace, dato che i suoi domini si trovavano alcuni sotto l'uno e altri sotto l'altro, ovvero Ferrara era di interesse papale, mentre Modena e Reggio Emilia imperiale. 

Per decretare questa alleanza Carlo V fu invitato in Italia dal pontefice e così decise di passare da Reggio e Modena dato che erano feudi propri concessi al Duca Alfonso, così vi fu l'incontro tra il duca e l'imperatore, ospite nel castello di Ferrara. Tuttavia, Carlo V doveva recarsi a Bologna per l'incontro e Alfonso temeva che ciò avrebbe compromesso la sua posizione politica, tanto che decise di accompagnare l'imperatore fino alle porte della città avversaria.

I bolognesi papisti compresero subito quale danno potevano infliggere agli Estensi e così aiutarono il papa all'incoronamento dell'imperatore il 22 Febbraio nella chiesa di San Petronio. E se la corona da imperatore non fosse bastata, si presentarono a lui con prodotti enogastronomici di qualsiasi tipo, e in particolare quattro botti di Malvasia. Il vino piacque così tanto all'imperatore da portarlo ad amare Bologna, il papa e i bolognesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così nel viaggio ritorno verso Mantova dovette ripassare da Modena riferendo una pessima notizia al duca Alfonso, ovvero che per continuare ad avere Ferrara avrebbe dovuto dare duecento ducari d'oro al Pontefice e sette mila alla Camera Apostolica ogni anno, ma in compenso avrebbe mantenuto Modena e Reggio senza più pagare nulla.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Malore durante il bagno, turista modenese perde la vita a Rimini

Torna su
ModenaToday è in caricamento