Forum Eventi compie 10 anni: si festeggia con tre weekend di appuntamenti

Tre fine settimana di appuntamenti celebrano il decennale della rassegna Forum Eventi. Tanti autori, una mostra e un libro dedicato all’evento

Una rassegna culturale per raccontare dieci anni di passioni. Dal 2009 al 2019 Forum Eventi ha portato al BPER Forum Monzani di Modena oltre 200 appuntamenti e 160 ospiti che hanno animato l’auditorium suscitando interesse, emozioni, entusiasmo in un pubblico sempre molto numeroso e appassionato.

In questi dieci anni si sono alternati sul palco i protagonisti della letteratura, del giornalismo, della filosofia, del cinema, della musica, dello sport e della politica: oggi tutti questi nomi e le centinaia di titoli proposti sono stati raccolti nel libro “Forum Eventi 2009-2019. Dieci anni di passioni”, una piccola-grande macchina del tempo dedicata a tutti coloro che hanno affollato il Forum negli ultimi dieci anni.

Il libro, gratuito, edito da Franco Cosimo Panini, è solo uno dei regali che il BPER Forum Monzani rivolge al suo pubblico per questa ricorrenza: i prossimi tre fine settimana, infatti, Forum Eventi “raddoppia” con ben sei appuntamenti da sabato 30 novembre a domenica 15 dicembre; ogni weekend mette in luce una delle diverse anime che hanno caratterizzato finora Forum Eventi.

Gli appuntamenti per festeggiare questo compleanno speciale prendono il via sabato 30 novembre alle 17.30 con Michela Murgia e Chiara Tagliaferri che presentano “Morgana. Storie di ragazze che tua madre non approverebbe” (Mondadori). Qui le autrici presentano dieci donne controcorrente e rivoluzionarie: Moana Pozzi, Caterina da Siena, Grace Jones, le sorelle Brontë, Moira Orfei, Tonya Harding, Marina Abramovic, Shirley Temple, Vivienne Westwood, Zaha Hadid. Il nemico simbolico di questa antologia è la “sindrome di Ginger Rogers”, l’idea che le donne siano migliori in quanto tali e dunque, per stare sullo stesso palcoscenico degli uomini, debbano sapere fare tutto quello che fanno loro, ma all’indietro e sui tacchi a spillo.

Domenica 1 dicembre alle 17.30 si prosegue con Massimo Gramellini e il suo ultimo libro, “Prima che tu venga al mondo” (Solferino), dedicato alla “bambitudine”, ovvero lo stato di grazia che i bambini possiedono in modo inconsapevole e gli adulti si sforzano per il resto dei loro giorni di ritrovare. Non è un concetto, ma una predisposizione dell’anima alla scoperta, a vivere ogni volta come se fosse la prima. Immaginate un uomo che, superata la soglia dei cinquant’anni, diventa padre quando ormai, in famiglia e sul lavoro, si era adagiato su una perfetta vita da figlio.

Del suo essere eclettico e non essersi mai fermato a fare una sola cosa nella vita ne fa un vanto e un segno distintivo. Fabio Volo, conduttore radiofonico e televisivo, sceneggiatore, scrittore, attore sabato 7 dicembre alle 21 presenta il suo ultimo libro. “Una gran voglia di vivere” (Mondadori) è il racconto di una crisi di coppia e del viaggio, fisico e interiore, per affrontarla. Quello di Marco e Anna sembrava un amore in grado di mantenere le promesse, ma ora Marco non riesce a ricordare qual è stata la prima sera in cui non hanno acceso la musica, in cui non hanno aperto il vino; quando la complicità si è trasformata in competizione. Un romanzo sincero, diretto, che sa fotografare le pieghe e le piccole contraddizioni dei nostri rapporti. Una storia in cui ritrovarsi, emozionarsi e capire se esiste, a un certo punto, un modo nuovo di stare insieme.

Domenica 8 dicembre alle 17.30 è la volta di Monica Guerritore, una donna, un’attrice con la A maiuscola che ha esordito con Strehler quando aveva sedici anni e da allora ha percorso una strada piena di successi ma anche di scelte difficili. Guerritore torna a scrivere raccontando una storia tragica, la storia di un femminicidio “illustre”, avvenuto nel 1911: la donna uccisa dal suo amante è Giulia Trigona, zia di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Otto figure affiancano il suo viaggio, otto donne che, come la Trigona, hanno conosciuto la perdita, il tradimento, la passione, la caduta, la ribellione, il coraggio, la violenza, in certi casi anche la morte.

Il terzo weekend è riservato a due autori stranieri. Sabato 14 dicembre alle 17.30 è uno dei più grandi narratori contemporanei a salire per la terza volta sul palco del Forum: David Grossman presenta “La vita gioca con me” (Mondadori), affiancato da Mario Calabresi. La storia è incentrata sul dramma della famiglia di Vera, deportata nel campo di rieducazione jugoslavo dell’isola di Goli Otok all’epoca delle deportazioni di Tito contro i seguaci di Stalin,  dopo la rottura del 1948 con il dittatore sovietico. La donna era alla ricerca del marito Miloš, ufficiale serbo di cui si era perdutamente innamorata, imprigionato ingiustamente proprio con l’accusa di essere una spia stalinista.

Chiude il decimo anno di Forum Eventi domenica 15 dicembre alle 17.30 Martin Kemp, professore di storia dell’arte dell’Università di Oxford con il suo “Leonardo by Leonardo” (Franco Cosimo Panini). Il volume è l’esito di un’operazione di alto profilo in coedizione con Callaway Arts & Entertainment, in occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. Pubblicato in contemporanea con l’edizione americana, Leonardo by Leonardo analizza le opere pittoriche di da Vinci con il duplice ausilio di dettagli ravvicinati di grande fascino e delle parole dello stesso artista, prese dai suoi trattati e appunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

Torna su
ModenaToday è in caricamento