Itinerari Modenesi | Palazzi e delizie della famiglia Estense a Modena e provincia

Un viaggio tra le dimore e i luoghi grazie ai quali gli Estensi mostrarono all'Europa il proprio potere e prestigio

La famiglia Estense è stata quella che più ha influenzato la politica e la cultura modenese, tanto da determinare per seicento anni la storia di questa città e del suo territorio, e fare di Modena una capitale europea per circa 250 anni. Ecco allora i luoghi Esteni più belli ed interessanti da visitare a Modena e provincia:

Palazzo Ducale di Modena

Quando gli Estensi nel 1598 furono obbligate a scappare da Ferrara a causa dell'arrivo in città del papa, spostarono la propria corte in fretta e furia a Modena, dove però non vi era una dimora adeguata al loro rango. Infatti prima del loro arrivo, la città di Modena confinava a nord con quello che era un castello, o per meglio dire un insieme di qualche torre e qualche rocca, che erano state costruite per difendere i modenesi durante gli assedi. In verità quel castello era in disuso da decenni se non da secoli. Così il duca Francesco I d'Este decise di convertire quella struttura in un palazzo ducale vero e proprio, facendone uno dei palazzi seicenteschi più belli d'Europa. Le curiosità che però lo riguardano non sono concluse qui, infatti pochi sanno che la prima cantina di aceto balsamico tradizionale si trovava proprio all'interno del Palazzo Ducale. Erano gli Estensi ad essere i fruitori di questo prodotto di cui andavano ghiotti, e che non usavano nel condimento del cibo, bensì con fine "balsamico", ossia alla fine dei basti come digerente. Tuttavia il luogo più segreto sembra essere il noto Studio d'Oro del duca Francesco III, ovvero una stanza che oltre a contenere soprammobili e mobilio di alto valore, è caratterizzato per il suo rivestimento delle pareti in oro zecchino. Immaginate all'epoca cosa significava per gli ospiti essere accolti in un luogo che voleva riprodurre, seppur in maniera più piccola, la lucentezza del Re Sole di Francia. Oggi il palazzo è stato adibito ad Accademia Militare.

IL VIDEO - LE CURIOSITA' DEL PALAZZO DUCALE DI MODENA

Giardino Ducale di Modena

Per gli Estensi l'area dedicata al parco era fondamentale per dimostrare il loro senso estestico, che non poteva essere lontano a quello dei re di Francia, in particolare al famigerato Re Sole e alla sua villa a Versailles, che godeva di un enorme parco. Se lo stesso Palazzo Ducale di Modena era ispirato a quello di Luigi XIV, non poteva non esserlo anche il parco.  Questo luogo è oggi noto come Giardini Pubblici, ma dobbiamo sapere che ebbe un ruolo importante nella vita di corte Estense. Il simbolo dei Giardini Ducali è senza dubbio la Palazzina del Vigarani, ultimata nel 1634, che doveva creare un'area dedicata alle feste e all'incontro con le personalità politiche, religiose e culturali che arrivavano a Modena. Non dobbiamo dimenticarci che gli Estensi si consideravano tanto importanti quanto qualsiasi altro regnante europeo. Tuttavia fu anche luogo di ricerca, infatti il Duca Francesco III nel 1758 fece costruire il famoso Orto Botanico, che oggi conserva più di 900 esemplari vegetali arborei, fiori e piante, sia autoctone che esotiche. L'Orto Botanico è oggi visitabile dal 1 Aprile al 31 Luglio e dal 1 al 30 Settembre, dal lunedì al venerdì con orario 9 -13.

Palazzo Ducale Sassuolo


Il Palazzo Ducale di Sassuolo è una delle Delizie Estensi, ovvero un luogo così bello che avrebbe dovuto lasciare a bocca aperta chiunque lo visitasse. Si trattava di un palazzo voluto dalla famiglia Pio, poi trasformato dagli Este in residenza estiva una volta fuggiti da Ferrara. Tante sono le caratteristiche di questo luogo. Ai nostri occhi sarebbe stato strano immaginare che duca e duchessa vivessero separati e che i loro incontri erano calendarizzati così come sarebbe accaduto per un comune diplomatico straniero o ministro. Ma non solo, infatti tra le varie raffigurazioni troviamo animali esotici, in particolare elefanti e scimmie, ma anche quadri d'avanguardia, infatti Francesco I era uno dei duchi che più apprezzava quella che per lui era l'arte contemporanea. La Delizia Estense non si conclude con il palazzo ma dal retro si può osservare la meravigliosa peschiera di Sassuolo e poi un grande parco lungo 12 chilometri. 

IL VIDEO - SCOPRI IL PALAZZO 

Palazzo Ducale di Pavullo

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dei tre palazzi ducali modenese è quello meno noto, tuttavia racconta una storia Estense ambientata nei nostri Appennini. Infatti, il palazzo e il parco ducale pavulesi furono realizzati dal duca di Modena Francesco IV d’Este tra il 1830 e il 1844 come propria residenza estiva. La struttura si andò poi ad allargare grazie ad altri due edifici in tufo, posti nei pressi del palazzo, furono fatti costruire tra il 1816 e il 1819 e fungevano l'uno da Caserma dei Pionieri e l'altro da Prigione e Giusdicenza (trasferita in quegli anni da Montecuccolo a Pavullo).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento