Itinerari Modena | Storia e curiosità di Savignano sul Panaro

Savignano è borgo medievale per eccellenza. Già dalla porta d'accesso si comprende il salto nel passato che i turisti potranno fare, fino ad arrivare in cima alla collina e fotografare un meraviglioso paesaggio

# IL PERFETTO BORGO MEDIEVALE 

Savignano è il perfetto borgo medievale da visitare durante una giornata con cielo sereno. Infatti, percorrendo la via principale si giunge in cima alla collina del paese antico, accedendo ad un panorama che lascia ad occhi spalancati. Lungo il percorso sono presenti antichi pozzi, immersi in piazzette caratteristiche, nonché gli antichi simboli dei rioni e delle famiglie più improntati della città. Perfetto sia per chi cerca una passeggiata romantica, ma anche per chi ama la storia e il periodo medioevale. 

# IL PRIMO COMUNE NELLA STORIA D'ITALIA 

LaLcaratteristica più unica di questo comune non riguarda nè elementi culturali, nè economici, nè personalità ad esso legato, ma una riga del Registro Araldico nazionale. Infatti, una volta che l'Italia fu proclamata nazione unita nel 1861, l'anno seguente fu decido di creare un registro con tutti i nomi dei comuni appartenenti all'Italia Unita. Questo libro prese il nome di Registro Araldico nazionale e il 23 Febbraio 1862 in cima a questa lista, fu spiegato che veniva riconosciuto il diritto del Comune di Savignano di fregiarsi dello stemma come richiesto all'unanimità dal Consiglio Comunale nella seduta del 31 ottobre 1861.u Questo scritto fa di Savignano il primo comune riconosciuto dell'Italia Unita, grazie alla volontà del ministro segretario di Stato Bettino Ricasoli, e del re Vittorio Emanuele II. Solo il 4 Dicembre 1862 il comune prenderà il nome di Savignano sul Panaro. 

# I DUE REPERTI PREISTORICI CON MILIONI DI ANNI

L'elefante è  sicuramente uno dei ritrovamenti archeologici più importanti al mondo, infatti questo scheletro di elefante pliocenico risale a ben 2 milioni di anni fa, e venne ritrovato sul greto del fiume Panaro nel 1980. Mentre, la Venere di Savignano è nota a tutti gli storici del mondo perhé è molto raro trovare reperti risalenti al paleolitico superiore. Si tratta di una statuetta steatopigia alta 22 cm e che dovrebbe avere circa 35.000 anni.

# LA BELLISSIMA PARROCCHIA DI SAVIGNANO

La chiesa parrocchiale di Savignano non solo è la più importante ma è nata persino prima del duomo di Modena e di altre importanti chiese modenesi, infatti si hanno notizie della sua esistenza già dal 1027, tuttavia l'impianto moderno è un rifacimento del 1746 e presenta varie caratteristiche settecentesche per questo motivo. La facciata è sorbai e disadorna, mentre all'interno si possono ammirare favolose decorazioni, in particolare la  Cappella della Madonna del Rosario dove si trova un dipinto del XVIII del bolognese Paolo Varrotti raffigurante i SS. Caterina da Siena e Domenico.

# I NATALI DEL GRAZIOSI 

Pittore e sculture vissuto a cavallo tra l'800 e il '900, ha avuto non solo i natali a Savignano, ma ha lasciato alla sua città ben tre statue il Compianto nella Chiesa Parrocchiale, il monumento ai caduti della 1° guerra mondiale ed il Cristo in bronzo sulla tomba di famiglia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • "I caporali fuori dalla Coop", protesta davanti al supermercato di Formigine

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Apre il Drive-in di Maranello, domani la prima proiezione

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Precipita nel vuoto durante un'escursione, muore un 63enne modenese

Torna su
ModenaToday è in caricamento