Itinerari Modenesi | Storia e curiosità di Maranello e dintorni

Tutti sanno della Ferrari, tutti sanno di Enzo Ferrari, ma com'era Maranello prima di diventare la citta' della Rossa?

Che Maranello sia la città della Ferrari lo sa tutto il mondo, eppure tante altre curiosità circondano questo luogo, tra castelli, leggende e una storia che risale a millenni fa:

#1 Una città dell'età del bronzo

Il territorio di Maranello ha alle spalle una storia urbana che ha origini nel 1800 a.C. circa quando furono edificate le prime abitazioni. Si tratta di un periodo, noto come età del bronzo, del quale sono stati rinvenuti numerosi reperti, per altro alcuni persino precedenti. Il luogo in cui questi furono rinvenuti sono relativi alle Terramare di Gorzano e alla necropoli di Cumarola, che risalirebbe ad un periodo ancora precedente, ovvero al III millennio a.C.

#2 L’antica via romana

Se via Emilia e’ per eccellenza la strada romana della pianura padana, anche Maranello e’ attraversata da una sua via di origine romana, nota con il nome di Claudia. Si tratta di un antico percorso costruito come alternativa alla più nota via Emillia, che prendeva il suo nome dal console Claudio. Fu fondamentale per i romani edificare questa via perché qui si trovavano alcune delle più agguerrite guarnigioni dei Ligures Friniates, i nemici giurati dei romani dei primi tempi. 

#3 Origine del nome

Il nome sarebbe stato coniato, secondo la ricostruzione storica più attendibile, attorno all'anno mille, quando il villaggio diventò sede della famiglia degli Araldini o Arardini. In quel luogo vi edificarono il castello, tutt'ora esistente anche se è stato ricostruito a seguito del terremoto del 1501. La zona attorno al castello è tutt'oggi nota con il nome di Maranello vecchio.

#4 Maranello, un luogo di villeggiatura

Oggi la più importante via che collega Maranello con Modena e’ sicuramente la via Giardini, ex statale dell’Abetone, ma non tutti sanno che quella via fu voluta dagli Estensi e garantì alla città di Maranello il ruolo di luogo di villeggiatura. Infatti, l’aveva voluta Francesco III d’Este per unire il ducato di Modena con il Granducato di Toscana. Lungo il percorso erano dislocate stazioni di posta, fontane, ricoveri, osterie e luoghi di ristoro. Maranello si era ampliata molto grazie a questo nuovo business e era diventata così un luogo di villeggiatura, precisamente posto tra Modena e l’Appennino. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

#5 Un pero d’argento nello stemma comunale

Lo stemma di Maranello e’ uno dei più recenti ad essere stati autorizzati, infatti ciò avvenne solo nel 1931. Nella descrizione ufficiale si legge: “D'argento all'albero di pero fruttato al naturale, nodrito su pianura verde, alla vite fruttifera di nero accollata all'albero". Perché proprio il pero? Il Comune, prima di diventare la città della Ferrari, era nota per due prodotti, ovvero le pere e l’uva, che rappresentavano il maggior introito per la comunità. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio. A Modena altri 14 decessi, calano gli interventi delle ambulanze

  • Meteo | Impennata improvvisa delle polveri sottili, vediamo perché

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • I numeri nei Comuni: positivi e persone in isolamento in provincia di Modena

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

Torna su
ModenaToday è in caricamento