Magner Bein | Perché il Cognac potrebbe essere nato a Mirandola

Una storia tramandata nei secoli, che tuttavia fonda le sue radici in un evento storico realmente avvenuto. Un viaggio nell'assedio francese a Mirandola e nella scoperta di uno strano liquore nascosto nelle cantine di Giovanni Pico

Il cognàc è un liquore francese che si ricava dalla distillazione di vino bianco ed è particolare in quanto si produce solo in due dipartimenti della Francia, ovvero quello della Charente e quello della Charente Marittima, entrambi ad ovest dello stato d'Olte Alpe. Eppure, antiche testimonianze rivelerebbero che il cognàc solo per un puro caso è diventato un prodotto francese, perché infatti il suo inventore sarebbe mirandolese, si tratta di Aldrovando.

Egli fu il cantiniere della famiglia Pico, che all'epoca dei fatti governava la città di Mirandola, e che aveva mantenuto segreto quel prodotto nelle cantine della nobile famiglia per lungo tempo. Si racconta che quel liquore non sarebbe altro che il risultato della pigiatura di uva trebbiana, insieme all'uva di altri vitigni dal frutto bianco. Il mosto di questo mix di uve veniva fatto bollire e poi riposare per lungo tempo all'interno di un cocchiume a chiusura ermetica all'interno di barilotti di quercia. 

Tuttavia, in quel periodo Mirandola era in perenne conflitto nella guerra tra francesi e tedeschi. In effetti, Giovanni Pico seppur signore di poche terre era visto da molti regnanti europei un pericolo per la loro stabilità nella penisola italiana, anche perché il suo maestro fu Lorenzo de' Medici detto il Magnifico. Lo stesso papa Giulio II era preoccupato dall'influenza politica di Giovanni Pico e così marciò con i francesi di re Enrico II di Valois alla volta di Mirandola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Neanche a dirlo l'assedio durò il tempo di veder Mirandola arrendersi alle forze nemiche. Tuttavia è qui che la leggenda si unisce con la storia, infatti una volta all'interno della città, alcuni soldati trovarono i contenitori di questo cognàc e lo assaggiarono. Immediatamente sentirono la stanchezza della battaglia venir meno e le energie aumentare a dismisura. Il caso volle che tra quei soldati vi fosse anche un ex agricoltore, che aveva preferito le armi alla terra per guadagnare più soldi. Tuttavia, conclusa la guerra, portò parte del liquore di Aldrovando nelle sue nuove terre, ottenute grazie alla guerra, che guarda a caso furono quelle nel Charente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Coronavirus, 13 nuovi positivi asintomatici in Regione. Undici i decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento