Fiorano, in pellegrinaggio alla Basilica le reliquie dei Santa Bernadette di Soubirou

A Fiorano il mese dedicato alla Madonna inizia con il pellegrinaggio alla Basilica della Beata Vergine del Castello delle reliquie di Santa Bernadette, provenienti dal Santuario di Lourdes

La Basilica della Beata Vergine del Castello di Fiorano, santuario diocesano, si prepara al Maggio, mese dedicato alla Madonna.

La parrocchia di San Giovanni Battista, a cui da sempre è affidata la cura e la valorizzazione del bel tempio barocco, nato per volontà del Duca Francesco I nel complesso di palazzi e parchi della Delizia Estense sassolese, ha predisposto un calendario di cerimonie e momenti di preghiera per chi vuole salire al Santuario come pellegrino, in un anno speciale, ricorrendo il centenario dell’incoronazione della Immagine Miracolosa e del Bambino, a cui si erano rivolte con angoscia e speranza le famiglie nei cinque anni della prima guerra mondiale; era usanza allora, per i giovani in partenza per il fronte, cucire sulla maglietta intima una medaglietta con l’immagine miracolosa.

Mercoledì primo maggio, la Basilica accoglie le Reliquie di Santa Bernadette di Soubirou. Per celebrarne il 175° anniversario della sua nascita ed il 140° della morte, il Santuario di Lourdes ha promosso il pellegrinaggio europeo delle reliquie di Bernadette. Già 34 le diocesi italiane che le ospiteranno nel 2019, dal 27 aprile al 24 agosto, per prima Alessandria (dal 27 al 30 aprile prossimi), poi Modena-Nonantola, per chiudere con Aversa e Albano.

Le reliquie arriveranno in mattinata, accompagnate con un Rosario per le vie del paese, salendo al Santuario; dalle ore 12 esposizione per la venerazione dei fedeli; alle ore 15 recita della Coroncina della Divina Misericordia; alle ore 16 Santa Messa con gli ammalati e Unzione degl’Infermi; alle ore 18 catechesi sui messaggi di Lourdes; alle ore 19 celebrazione dei Vespri. Alle ore 20.15 arrivo di mons. Erio Castellucci arcivescovo-abate di Modena-Nonantola, salutato dal sindaco e dalle autorità; alle ore 20,30 solenne Messa pontificale. Durante tutta la giornata funzionerà un punto ristoro nel Salone del Pellegrino.

Tutti i giorni del Mese di Maggio in Santuario si celebrano due messe: alle ore 7 e alle ore 20.30; ogni sabato alle ore 18.30, iniziando dal 4 maggio, da Piazza Casa del Popolo, parte una processione con recita del Rosario, che percorre la ‘Strada delle beatitudini’ attraverso il centro storico, con Messa alle ore 19. L’11 maggio celebrerà Mons. Lino Pizzi, vescovo emerito di Forlì-Bertinoro; il 18 maggio Mons. Giuseppe Verucchi, arcivescovo Emerito di Ravenna-Cervia; il 25 maggio don Giuseppe Albicini, pro-rettore del Santuario di Fiorano. Venerdì 31 Maggio chiusura del mese mariano con la celebrazione della Santa Messa con processione, alle ore 20.30, presieduta da mons. Erio Castellucci arcivescovo-abate di Modena-Nonantola.

La parrocchia partecipa anche al Maggio Fioranese, nel quale il paese si mette in vetrina con iniziative culturali e sportive, mostre, spettacoli, eventi, mercati e rassegne, realizzato dall’amministrazione comunale con il contributo del ricco associazionismo del territorio, a cominciare dal Comitato Fiorano in Festa, inserendosi nella secolare tradizione di pellegrinaggi e convegni che nel mese mariano hanno come riferimento il santuario diocesano.  La parrocchia gestisce uno stand gastronomico per finanziare le proprie attività, in funzione ogni sabato e domenica, al centro parrocchiale o nel piazzale del santuario.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In balia della corrente sul materassino, due ragazzi modenesi salvati in Salento

  • Auto nel fosso, grave una coppia incastrata nel veicolo capottato

  • Turista multato per l'accesso in Ztl, arriva alla Municipale un assegno dalle Hawaii

  • Lieve scossa di terremoto sull'Appennino modenese

  • Gli eventi da non perdere a Ferragosto a Modena e provincia

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

Torna su
ModenaToday è in caricamento