Street art, a Montale il progetto dell’artista Fabio Tellas

L’arte urbana decora Montale. Domani, giovedì 10 ottobre, alle 21 nella sala Lori del centro sportivo Roller di Montale, verrà presentato alla cittadinanza il nuovo progetto di street art che vedrà la realizzazione di un murales ad opera di Fabio Tellas. Insieme al sindaco di Castelnuovo Rangone Massimo Paradisi, sarà presente il presidente dell’associazione Rosso Tiepido Tiziano Del Vacchio, che ha curato il coinvolgimento della comunità sul progetto Immaginari di Montale. 

Il progetto avrà al centro il murales di Fabio Tellas, writer di origine sarda e dal profilo internazionale, che sarà realizzato lungo la via Estense. 

Fabio Tellas, all'anagrafe Fabio Schirru, è nato nel 1985 a Cagliari, dove ha cominciato il suo percorso artistico. Nel 2015 il lavoro di Tellas è stato presentato in The Urban Contemporary Art Guide, a cura di Graffiti Art Rivista, classificandosi tra i cento migliori artisti emergenti nel mondo. 

Ha partecipato a numerosi eventi internazionali, tra cui Artmossphere, la prima Biennale di street art a Mosca, e La Tour Paris 13, una delle organizzazioni più innovative rispetto ai progetti di arte temporanea.  Nella sua carriera può vantare anche importanti collaborazioni con brand di moda come Ferragamo e Marni, con il quale ha realizzato dipinti murali e installazioni successivamente inseriti nel documentario “A grande terra do Sertão”, presentato alla 56a Biennale di Venezia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Stasera su Italia1 anche Modena protagonista della puntata de "Le Iene Show"

  • Finge di voler comprare un divano online e si fa accerditare 3.000 euro

  • Via libera all'accensione dei termosifoni. Disponibile anche il bonus per le famiglie

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Non pagano la spesa e colpiscono i dipendenti, coppia denunciata all'Esselunga

Torna su
ModenaToday è in caricamento